La casa quarta

di Massimo Michelini

La casa quarta, punto più basso del cerchio zodiacale domificato, indica da dove si arriva, le nostre origini prime, la famiglia. Istituzione umana che riporta immediatamente alla memoria una celeberrima frase di Tolstoj, riportata in auge grazie all’Eleganza del riccio: «Tutte le famiglie felici si somigliano; ogni famiglia infelice è invece disgraziata a modo suo». Ora forse la felicità non è una cosa umana, o almeno la sua durata nel tempo, eppure anche uno psicologo dilettante sa che se nella prima parte dell’infanzia abbiamo ottenuto cure adeguate – quello che lo psicanalista Bowlby definì Una base sicura – riusciremo quasi sempre ad avere una personalità adulta matura e stabile. Questa casa indica quindi se abbiamo o non abbiamo avuto sufficienti rassicurazioni affettive nei nostri primi anni di vita (non dimentichiamo che nel cosignificante Cancro sono presenti appunto i pianeti dell’emotività e dell’affettività, Luna e Venere). Non è la casa della madre oppure del padre, come dice certa tradizione astrologica, ma è la casa di entrambi i genitori, e di eventuali fratelli. Se ci atteniamo alla logica zodiacale, infatti, non possiamo non constatare che in essa è presente infatti la Luna-Madre, il Sole-Padre (domiciliato per trasparenza nel Cancro), il Mercurio-figlio ma anche fratello (Mercurio esaltato per trasparenza), ossia tutti i componenti di un nucleo familiare. Non va dimenticato però che, nell’analisi della situazione familiare, vanno anche valutate le posizioni di Sole, Luna e Mercurio per avere un quadro chiaro di quello che accadde davvero dietro la soglia della dimora natia. Già, perché la quarta rappresenta appunto l’abitazione d’origine, e tutte quelle in cui via via capiterà di vivere, per scelta o per caso, nel corso dell’esistenza, ma anche il bisogno (in qualche caso necessità imprescindibile) di intimità, di un luogo protetto, talvolta della ricerca di interiorità. Chi è fortemente influenzato dalla quarta casa avrà quindi sempre un forte bisogno di protezione, mostrando talora un temperamento succube, a volte felicemente succube. Anche se il desiderio di essere protetti non è così dominante da voler correre il rischio di finire sottomessi, resta questo imprinting di fondo impostato sull’idea della difesa. Ad esempio, un’amica con cinque pianeti in Sagittario in questa casa, la sua l’ha quasi murata all’esterno con una fitta rete di alberi, quasi per voler tener fuori tutto ciò che non si vuole far entrare. Talvolta però la casa d’origine e la famiglia potranno rappresentare una zavorra dalla quale non ci si riesce più a liberare, in altre situazioni invece troveremo soggetti che usano l’abitazione, i genitori, i fratelli, i compagni e i figli a mo’ di scudo per tenere alla larga le difficoltà del mondo, quello che sta là fuori. Per estensione simbolica rappresenta anche la città d’origine e la patria, e può dare una inclinazione professionale per l’arredamento, o per tutte le attività inerenti la casa o l’infanzia. Oppure ancora può dare una propensione alla narrativa, anch’essa regolata dal cosignificante Cancro. Oppure ancora a starsene spaparanzati su un morbido divano per leggere pile e pile di romanzi, oppure per riandare con la memoria al passato.

Casa quarta tra Ariete e Toro – La famiglia d’origine è caporalesca e talvolta patriarcale, con un forte rispetto per la tradizione. In qualche caso può esserci la tendenza a vivere la famiglia con un sentimento conflittuale, o con una punta di sospetto. Può indicare un ambiente dinamico in cui si dà poca importanza alle comodità, che verranno però rivalutate con il passare del tempo; questo infatti è il possibile effetto del successivo passaggio in Toro: un più forte attaccamento alle pareti domestiche, e magari potrà esserci pure un trasferimento in campagna. Non muterà però l’attaccamento alla tradizione e una certa chiusura verso l’esterno.

Casa quarta tra Toro e Gemelli – Casa e famiglia rappresentano per il soggetto luoghi amati e protettivi, che ti nutrono e ti danno sicurezza e con i quali si ha o si vorrebbe avere un rapporto sereno. È possibile all’origine un certo conservatorismo di stampo rurale ma, anche se così non fosse, i genitori insegnano soprattutto a garantire stabilità economica per sé e per il proprio clan. Con la maturità però muta talvolta il panorama, e si decide di aprire la propria abitazione per feste e divertimenti, perché ci si è stancati di troppa tranquillità.

Casa quarta tra Gemelli e Cancro – L’ambiente familiare è mondano e divertente, magari stimolante sul piano intellettuale, ma tutto sommato freddino e poco rassicurante dal punto di vista affettivo. È probabile che si abbia vissuto in una casa aperta a zii o cugini, oppure che le circostanze della vita abbiano fatto sì che ci si trasferisse momentaneamente a casa loro. Col tempo è però possibile che aumenti il bisogno di famiglia e di protezione, si chiuderanno le porte agli estranei per godere di quell’intimità e sentimento che non sono toccate in sorte nella prima infanzia.

Casa quarta tra Cancro e Leone – La casa e la famiglia sono vissuti come un grembo materno all’interno del quale è sempre possibile rifugiarsi, anche in età adulta. C’è anche un forte culto del passato e magari si coltiva pure il gusto dell’antiquariato, oltre alla necessità di avere sempre un luogo dove nascondersi, come tra le gonne di mammà. Il passaggio della casa in Leone può significare che, per qualche caso della vita, la famiglia diventa prestigiosa, o è il soggetto che riesce a elevare la classe sociale sua e dei suoi congiunti, magari esagerando nell’ostentare la posizione raggiunta.

Casa quarta tra Leone e Vergine – Il nucleo familiare più che protettivo appare prestigioso, di maggior lustro rispetto a quello dei conoscenti, e spesso il soggetto è orgoglioso dei propri natali. Magari si è trascorsa l’infanzia in una casa in qualche modo esagerata o sfarzosa, dove l’economia domestica era l’ultimo dei pensieri. Poi (forse a causa di qualche eccesso) la famiglia potrebbe subire un ridimensionamento sociale; oppure il soggetto stesso, pur di assicurarsi una sua autonomia, preferisce rinunciare a eventuali privilegi perché potrebbe ottenerli soltanto se rimanesse a vivere in famiglia.

Casa quarta tra Vergine e Bilancia – La famiglia d’origine è molto attenta ai problemi economici, spesso per reali difficoltà, talvolta per innata tirchieria anche affettiva. Se non esistono difficoltà finanziarie, avremo figure parentali molto attente alle piccole regole del quotidiano, ma un po’ carenti quando si tratta di elargire carezze. Il passaggio della casa in Bilancia aiuta il soggetto a razionalizzare un’infanzia spesso grigia, e può suggerirgli un tentativo di recupero con l’acquisto di una propria abitazione che arrederà con eleganza, ma forse non gli basterà a colmare la mancanza di affetti subita nei primi anni.

Casa quarta tra Bilancia e Scorpione – Il focolare domestico è rigido moralmente e in esso spesso alberga un forte senso dell’etica e della giustizia, che potrà piacere o non piacere a seconda dei casi. Raramente però si tratterà di un ambiente volgare, anzi parolacce e cattivo gusto saranno tenuti fuori dalla porta. Almeno fino a quando non matureranno i tempi del passaggio allo Scorpione, quando o si aprirà l’abitazione ai personaggi più variegati oppure ci si sradicherà del tutto per abbracciare una sorta di nomadismo, preferendo dimore provvisorie, che diano l’idea di potere andarsene sempre, in qualsiasi momento.

Casa quarta tra Scorpione e Sagittario – Qualcosa all’interno della famiglia d’origine può essere segnato da un clima omertoso, oppure può esserci una tendenza alla drammatizzazione in qualche caso legata a episodi di crudeltà, non importa se fisica o mentale. Il soggetto resta però di solito lucido nell’osservare ciò che lo circonda, avvertendo al tempo stesso un senso di precarietà che, da adulto, gli farà preferire case in affitto, che si possano abbandonare in qualsiasi momento. Col subentrare della maturità si acquista una visione più filosofica della propria infanzia, forse perché il passaggio della casa in Sagittario si è tradotto in un allontanamento fisico oppure in un sano e pacioso distacco emotivo.

Casa quarta tra Sagittario e Capricorno – La famiglia d’origine potrà essere bonaria, moralistica, oppure idealistica e un po’ errabonda. Può dare il caso di chi ha passato l’infanzia all’estero o spostandosi in luoghi diversi, ma anche se così non è, il soggetto ambisce ad ottenere al più presto una propria emancipazione, perché la sua vera casa sembra essere il mondo, oppure un ambiente in cui ci sia un forte contatto con la natura. Quando subentra il Capricorno si smorza l’irrequietezza rispetto a una propria abitazione e a volte si mettono radici, perché prevale il ragionamento o la necessità economica.

Casa quarta tra Capricorno e Aquario – Opposta al cosignificante Cancro, la quarta in Capricorno indica una famiglia dura, lavoratrice, attenta alle cose materiali, spesso anaffettiva e con un clima cupo. Darà quindi bambini costretti a emanciparsi presto, per necessità o per effetto del rapporto con genitori. Suggerisce l’esigenza di avere case solide, se possibile in pietra, arroccate su un cocuzzolo o almeno all’ultimo piano di un condominio. Il passaggio della casa in Aquario aiuta però a razionalizzare le esperienze del passato, magari attraverso un allargamento delle esperienze e non disdegnando di aprire la propria abitazione ad amici scelti e anticonvenzionali.

Casa quarta tra Aquario e Pesci – Le sfumature possono essere le più varie: può dare il figlio di genitori alternativi, che magari li ha seguiti durante l’infanzia in una comune o in un ashram. Oppure è il figlio stesso che per ottenere la libertà adotta strategie opportunistiche per fare ciò che più gli piace e non trova grandi resistenze nell’ambiente domestico. Quando subentrano i Pesci si manifesta però una più spiccata voglia di tenerezza in un clima confuso, che spesso si traduce in un totale disordine all’interno della propria abitazione. Oppure il soggetto si ammala ed è costretto a usare la casa come un ospedale o è qualche parente o il coniuge a perdere la salute e a richiedere assistenza.

Casa quarta tra Pesci e Ariete – I Pesci in questa casa tendono a creare un ambiente natale sentimentale e un po’ confusionario, apprensivo, in cui a volte è presente qualche persona molto religiosa o malata, che il soggetto da bambino potrebbe sentirsi in dovere di accudire. Può accadere che però col tempo il soggetto si stanchi di un’atmosfera troppo trepida e decida di mandare a quel paese genitori un po’ piagnoni, o per lo meno si conceda di tanto in tanto qualche sfuriata.

Sole in quarta casa
Chi è nato poco prima della mezzanotte – e ha quindi il Sole in quarta – ha quasi sempre un forte legame con la famiglia natale, e solo l’insieme del tema dirà se si tratta di una delle famiglie felici indicate nell’incipit dell’Anna Karenina oppure di quelle disgraziate sempre citate nella stessa frase. Guarda caso chi la scrisse, Lev Tolstoj, aveva una stretta congiunzione di Sole-Luna-Mercurio proprio nel quarto campo e rimase sempre legato a doppio filo alle sue origini (e alla Grande Madre Russia) e il tentativo di staccarsene coincise con la morte, sia pure avvenuta in tarda età. Dà quasi sempre un forte bisogno di protezione che si manifesta soprattutto con la costruzione di un nido dove rifugiarsi, all’interno del quale accogliere un partner per costruire una famiglia con la effe maiuscola; oppure ancora il nido è quello dove si è nati, dal quale non si riesce a staccarsi. Può dare una figura paterna casalinga e/o convenzionale, vissuta bene o male a seconda dei casi. Questo imprinting lascerà all’Io attivo l’esigenza primaria di farsi proteggere dalle cose note e amate, con le quali si stringe un legame emotivo. Per una donna, dà la necessità di avere un uomo in casa, condizione che a volte potrebbe portarla a compromessi estremi e talora umilianti pur di non restare sola, anche se magari è poi la donna a portare i pantaloni in famiglia e non avrebbe alcuna necessità di un partner inetto. Ha però quella psicologica, e sulle difficoltà emozionali non si discute.

Alcuni esempi di Sole in quarta casa
Woody Allen – 1° dicembre 1935, ore 22.55, New York
Jane Austen – 16 dicembre 1775, ore 23.45, Steventon, Inghilterra
Chelsea Clinton – 27 febbraio 1980, ore 23.24, Little Rock, Arkansas
Oriana Fallaci – 29 giugno 1929, ore 23.00, Firenze
Marcel Proust – 10 luglio 1871, ore 23.30, Parigi
Lev Tolstoj – 9 settembre 1828, ore 22.52, Tula, Russia

Luna in quarta casa
In questa posizione per molti versi trionfale la Luna – per un uomo, s’intende – sembra quasi la pubblicità del complesso di Edipo. Anche per una donna però il legame con la madre è fortissimo, difficile da sciogliere, se non sul piano materiale di certo per ciò che riguarda emotività e sentimento. Intendiamoci, una Luna in questa casa non necessariamente rappresenta una madre perfetta, ma indica una genitrice che, nel bene o nel male, è stata centrale nella vita del soggetto, anche da adulto. Forse per l’intenso legame (che di solito è basato su basi empatiche) avuto con la madre nei primi anni, il soggetto è di solito assai emotivo, anche se tenderà a tenere ben riparata dagli occhi altrui la propria vita e perfino le proprie emozioni, per manifestarle solo verso chi è in grado di comprenderle, o almeno tale sembra sulla carta. Così, da adulto il soggetto cercherà sempre un riparo, il primo dei quali sarà l’abitazione, luogo per lui centrale nell’esistenza. Per un soggetto donna, il ruolo imprescindibile della madre farà sì che da adulta tenda a sentirsi realizzata soprattutto nell’ambito familiare, perseguendo il ruolo della madre di famiglia. Se, per altri aspetti del suo tema, ambirà anche a una propria carriera, non potrà però mai rinunciare a questa veste. Per un uomo, mammone oltre ogni dire, la figura femminile dovrà sostituire quella genitoriale, pur nella consapevolezza che di mamme ce n’è una sola, ed è insostituibile.

Alcuni esempi di Luna in quarta casa
Margherita Agnelli – 26 ottobre 1955, ore 8.14, Losanna
Susanna Agnelli – 24 aprile 1922, ore 21.00, Torino
Marlon Brando – 3 aprile 1924, ore 23, Omaha, Nebraska
Carlo Conti – 13 marzo 1961, ore 20.20, Firenze
Margherite Yourcenar – 8 giugno 1903, ore 8, Bruxelles
Emanuele Filiberto di Savoia – 22 giugno 1972, ore 9.05, Ginevra

Mercurio in quarta casa
Mercurio in quarta fa sì che si tenda per tutta la vita a sentirsi soprattutto figlio dei propri genitori. Anche in età non più giovanissima, magari quando mamma e papà non ci sono più da tanto, chi ha questa posizione planetaria rimpiangerà la propria condizione di figlio, magari anche solo per rimproverare ai genitori gli errori commessi o l’affetto negato. Ciò accade in qualsiasi casa cada il Sole, ma è rafforzato ovviamente se pure il Sole è in quarta. Da adolescente il nativo sarà stato iperprotetto, talvolta soffocato dalle attenzioni familiari, oppure sarà esso stesso incapace di farne a meno. Se ci sono fratelli, può esserci conflittualità per assicurarsi il primo posto nell’affetto dei genitori, oppure si avranno fratelli ugualmente legati alle pareti domestiche. Non è certo una posizione che suggerisce gli spostamenti, e valga come esempio Woody Allen, cantore della sua città natale, New York, dalla quale si allontana raramente e malvolentieri. La curiosità può essere pigra, talvolta appannata a meno che non si usi il mezzo di comunicazione mercuriale per eccellenza, il telefono, per mantenere senza uscire di casa il contatto con gli amici e con il mondo. Non è particolarmente adatto per chi svolga attività commerciali, tranne che non ci si occupi di arredamento o di prodotti per l’infanzia. Dà un’intelligenza lunare, magari distratta rispetto ai fatti concreti ma assai attenta ai risvolti emotivi delle cose.

Alcuni esempi di Mercurio in quarta casa
Carlo d’Inghilterra – 14 novembre 1948, ore 21.14, Londra
Chelsea Clinton – 27 febbraio 1980, ore 23.24, Little Rock, Arkansas
Fabio Fazio – 30 novembre 1964, ore 1, Savona
Marcel Proust – 10 luglio 1871, ore 23.30, Parigi
Tina Turner – 26 novembre 1939, ore 22.10, Nutbush, Tennessee
Iva Zanicchi – 18 gennaio 1940, ore 22.00, Ligonchio, Reggio Emilia

Venere in quarta casa
Pur essendo esaltata nel cosignificante Cancro, Venere tende qui a dare soprattutto un atteggiamento edonista, passivo e autoprotettivo, anche in campo sentimentale. Indica amore per la casa e la famiglia e, nell’eventualità che sia fortemente lesa, segnala che queste aspirazioni sono state frustrate da una famiglia anaffettiva. Nei casi in cui invece è solo positiva, si tenderà ad amare al riparo delle pareti domestiche, attirando a sé l’amato bene per crogiolarsi nei piaceri della carne, in un trionfo di comodità e sentimento. E ciò accade sia per un uomo sia per una donna. Nella sua simbologia di bellezza, Venere suggerisce un’avvenenza sensuale e femminile e, per un uomo, l’attrazione per fanciulle morbide e un po’ languide, sempre che lo consenta il segno in cui cade Venere. Per ciò che riguarda la salute, potrebbe indicare qualche problema durante l’infanzia, oppure una tendenziale debolezza di stomaco. Tende a creare comunque persone un po’ apprensive rispetto ai problemi fisici, che preferiscono curarsi con il riposo e tenendo fuori dalla porta tutto quello che può turbare l’equilibrio del corpo, e del cuore.

Alcuni esempi di Venere in quarta casa
Pamela Lee Anderson – 1° luglio 1967, ore 4.08, Ladysmith, Canada
Carlo d’Inghilterra – 14 novembre 1948, ore 21.14, Londra
Fabrizio Corona – 29 marzo 1974, ore 21, Catania
Federico Fellini – 20 gennaio 1920, ore 21, Rimini
Marina Lante della Rovere – 21 ottobre 1941, ore 2, Roma
Shirley Temple – 23 aprile 1928, ore 21, Santa Monica, California

Marte in quarta casa
Il pianeta della violenza nella casa della famiglia indica che, quanto meno, c’era un’atmosfera battagliera in ambito domestico. Le sfumature poi possono essere infinite e si passa da chi effettivamente ha subito percosse o vessazioni da parte dei genitori, oppure erano i genitori che si picchiavano a vicenda, o era uno che assaliva l’altro, o era una di quelle famiglie dove anziché parlare si grida, a chi infine ha subito una violenza in casa, indipendentemente dai genitori o magari insieme ai genitori, per esempio chi è stato vittima di una rapina in villa o chi si ritrova la casa distrutta dal terremoto. Intendiamoci, non per tutti si arriva a tanto, ma nel settore zodiacale che dovrebbe concedere affetto e protezione Marte non è al posto suo. Per quanto riguarda l’aggressività del soggetto, di solito è scarsa, inesistente o interiorizzata, o nei casi peggiori sfoga sui familiari quella carica virile che non riesce a manifestare fuori di casa. Nella sua componente erotica, qui Marte tende a confrontarsi poco con l’esterno per entrambi i sessi, che eserciteranno la sessualità soprattutto tra le pareti domestiche, nei casi peggiori subendo violenza da parte di un parente. Indipendentemente dagli aspetti estremi, dà un atteggiamento impulsivo e reattivo nel contatto con i familiari.

Alcuni esempi di Marte in quarta casa
Jane Austen – 16 dicembre 1775, ore 23.45, Steventon, Inghilterra
Loredana Bertè – 20 settembre 1950, ore 3.25, Bagnara Calabra, Reggio Calabria
Agatha Christie – 15 settembre 1890, ore 4, Torquay, Inghilterra
Fausto Coppi – 15 settembre 1919, ore 21.30, Castellania, Alessandria
Dalai Lama – 6 luglio 1935, ore 4.38, Tengster, Tibet
Giacomo Leopardi – 29 giugno 1798, ore 15, Recanati, Macerata

Giove in quarta casa
Il pianeta dell’edonismo e dell’arricchimento non si trova affatto a disagio nella casa del morbido Cancro. È possibile che la fortuna del soggetto arrivi dalla famiglia, oppure che si senta felice tra le mura di casa. Tanto che di solito si tende ad allargarle per avere più spazio vitale. Eventuali ampliamenti però non sono però dettati dal bisogno di investire nel mattone, quanto piuttosto di avere spazio intorno, per accrescere la felicità interiore, quasi che lo spazio intorno al soggetto, quello più vicino ai suoi sentimenti, debba trasmettergli un’immagine abbondante e positiva. In qualche caso però, se il pianeta è fortemente leso o in un segno poco affine alla sua natura, tale aspirazione resterà lettera morta e si rimpiangerà una protezione, anche economica, che la famiglia d’origine aveva saputo dare. Spesso riduce le ambizioni all’esaudimento dei propri comodi, salvo aspetti collaterali che puntano in un’altra direzione, ma non ci sarà nessuna terribile frustrazione se questo non accade davvero. Nella sua simbologia di parola, può dare una persona che usa un linguaggio morbido, suadente e un po’ infantile, magari legato a uno specifico slang familiare. Dà di solito prudenza nell’esternare le proprie opinioni, almeno fuori di casa.

Alcuni esempi di Giove in quarta casa
Lucia Bosè – 28 gennaio 1931, ore 10.00, Milano
Alda D’Eusanio – 14 ottobre 1950, ore 8, Tollo, Chieti
Lory Del Santo – 28 settembre 1958, ore 1.20, Povegliano Veneto, Verona
Elton John – 25 marzo 1947, ore 15, Londra
Giacomo Casanova – 2 aprile 1725, ore 20, Venezia
Camillo Benso conte di Cavour – 10 agosto 1810, ore 17.45, Torino

Saturno in quarta casa
Saturno, con la sua carica di durezza e severità, è al posto suo in Capricorno, segno opposto per cosignificanza alla quarta. In quest’ultima casa produce effetti non propriamente piacevoli, che si possono riassumere in una privazione dell’infanzia per le ragioni familiari più diverse. Può essere il caso di chi ha avuto genitori estremamente severi e autoritari, oppure di chi ha perso in età precoce un genitore, scomparsa che può aver indurito il genitore superstite e l’ambiente familiare stesso. Oppure ancora il padre e la madre non sanno manifestare i loro sentimenti verso il figlio, o non lo amano davvero, e magari sono sostituiti dai nonni nel prendersi cura di lui, anche affettivamente. Può indicare anche la presenza di molte persone anziane in famiglia, che potevano esercitare una loro autorità o autorevolezza. Per tutta questa serie di motivi può dare una certa rigidità o difficoltà nel manifestare emozioni e sentimenti, che vengono passati al vaglio della ragione prima di trovare un varco verso l’esterno. È possibile però che, con la maturità, il soggetto acquisti potere sulla famiglia.

Alcuni esempi di Saturno in quarta casa
Carlo Conti – 13 marzo 1961, ore 20.20, Firenze
Michele Cucuzza – 14 novembre 1952, ore 20.15, Catania
Tiziana Ferrario – 3 settembre 1957, ore 4.15, Milano
Rita Levi Montalcini – 22 aprile 1909, ore 23, Torino
Vincenzo Muccioli – 6 gennaio 1934, ore 2, Rimini
Teresa di Lisieux – 2 gennaio 1873, ore 23.30, Alençon, Francia


Urano in quarta casa
Se pur domiciliato come Saturno nel Capricorno, opposto per cosignificanza alla quarta, non produce i suoi stessi effetti pesanti, anzi può anche essere positivo. Dà una famiglia d’origine dinamica, vivace, attiva e lavoratrice, in qualche caso opportunista, che avrebbe potuto adottare lo slogan “Chi ha tempo non aspetti tempo”. Oppure dà l’impronta a personaggi che svicolano diplomaticamente dalle maglie dei legami parentali. Troviamo inoltre soggetti che, da adulti, lavorano in un’impresa familiare, oppure sfruttano l’attività della famiglia per fare il meno possibile. È probabile che chi ha questa posizione planetaria, tenda a lavorare in casa, o in un luogo chiuso e protetto, oppure non gli dispiaccia affatto compiere manutenzioni in casa, realizzando da sé le varie operazioni necessarie. Questi nativi sono pronti talvolta a cambiare abitazione senza esitare se si prospetta un’opportunità migliore. Può dare però anche la tendenza ad avere incidenti domestici o che riguardano parenti e genitori, che poi si è costretti ad accudire.

Alcuni esempi di Urano in quarta casa
Brigitte Bardot – 28 settembre 1934, ore 13.15, Parigi
Susan Boyle – 1° aprile 1961, ore 9.50, Blackburn, Scozia
Adriano Celentano – 6 gennaio 1938, ore 7, Milano
Emilio Fede – 25 giugno 1931, ore 19, Barcellona Pozzo di Gotto, Messina
Bruno Vespa – 27 maggio 1944, ore 1, L’Aquila
Donatella Versace – 2 maggio 1955, ore 5.00, Reggio Calabria

Nettuno in quarta casa
Le metamorfosi di Nettuno stanno un po’ strette nella casa della casa, e la manifestazione più frequente di questa posizione planetaria è l’esigenza di trasformare la propria abitazione, oppure la tendenza ad accessi di una forte irrequietudine che spinge a trasferirsi appena possibile, magari senza neppure cambiare di città. È possibile che questa abitudine sia ereditata dalla famiglia, che potrebbe essere stata vagabonda o irrequieta, oppure era il soggetto ad essere irrequieto nei confronti dei vincoli familiari o abitativi. Se è possibile, inoltre, i nativi ambirebbero a risiedere presso un corso d’acqua oppure al mare o ai bordi di un lago o, se il pianeta è negativo nel tema natale, sono vittime di infiltrazioni o problemi idraulici di varia natura. L’emotività può essere scalpitante e talora confusa, ma spesso celata dietro le mura del proprio cuore. Essendo però la casa una sede lunare, può dare una sensibilità particolare che talora sconfina nella genialità, soprattutto se il pianeta è leso.

Alcuni esempi di Nettuno in quarta casa
Natalia Aspesi – 24 giugno 1929, ore 3.40, Milano
Cher – 20 maggio 1946, ore 7.31, El Centro, California
Mamie Eisenhower – 14 novembre 1896, ore 13, Boone, Iowa
Carlo d’Inghilterra – 14 novembre 1948, ore 21.14, Londra
Lapo Elkann – 7 ottobre 1977, ore 3, New York
Emanuele Filiberto di Savoia – 22 giugno 1972, ore 9.05, Ginevra

Plutone in quarta casa
In questa sede Plutone crea spesso il desiderio di essere protagonisti in famiglia o dà una famiglia protagonistica, all’interno della quale si può trovare complicità, ma che può occultare anche segreti inconfessabili. Oppure dà semplicemente l’abitudine a mentire sui propri natali. Insomma, la famiglia pare avere la tendenza a non raccontare tutto di sé, anche nei casi in cui non sia affiliata alla mafia, né abbia esportato fraudolentemente i propri capitali in un paradiso fiscale, e neppure abbia un serial killer nell’albero genealogico. A causa di questa inclinazione familiare il soggetto, da adulto, pur avendo una fedina penale immacolata, amerà ricavare nella propria casa un angolo dove nascondersi, o nascondere qualcosa che gli sta a cuore. La creatività è forse un po’ sacrificata dal bisogno di sentirsi protetti, ma può dare il meglio di sé nei casi in cui la famiglia sostenga le ambizioni del soggetto, oppure ci si occupa di professioni legate all’arredamento o allo scavo, nell’ambito psicologico o nel terreno. (Vedi lo strano caso di Oberto Airaudi, fondatore della comunità spirituale di Damanhur, che ha costruito un tempio sotterraneo per i suoi adepti: una possibilità negata alla maggior parte dei nativi, che magari sognerebbero invece di poterlo fare.)

Alcuni esempi di Plutone in quarta casa
Jane Austen – 16 dicembre 1775, ore 23.45, Steventon, Inghilterra
Lucia Bosè – 28 gennaio 1931, ore 10.00, Milano
Susan Boyle – 1° aprile 1961, ore 9.50, Blackburn, Scozia
Giulio Einaudi – 2 gennaio 1912, ore 11.15, Torino
Francesco Facchinetti – 2 maggio 1980, ore 11, Milano
Giacomo Leopardi – 29 giugno 1798, ore 15, Recanati, Macerata

4/7/2010