La casa sesta

di Massimo Michelini

La sesta è una casa d’ordine. Ultima nel semicerchio zodiacale sotto l’orizzonte, ha una sua forza di conservazione e di regola, quasi come se, prima di affrontare la parte alta dello Zodiaco, si avvertisse il bisogno di sistemare ogni cosa. Sta quindi sotto all’orizzonte ed è quasi la custode dei valori emersi nelle case precedenti e, proprio per questo, ha una tendenza livellatrice, conservatrice e uniformante. Chi è fortemente marcato dalla casa vorrà perciò sentirsi uguale alla massa, proprio perché una sua “non diversità” gli garantirà sicurezza rispetto all’imprevedibilità, all’anomalia, all’eccezione. Non per nulla regola il corpo, macchina perfetta da mantenere in totale efficienza. Intendiamoci, una sesta casa vuota non procura indifferenza verso il corpo, ma spesso o talvolta dà rispetto ad esso una disattenzione, perché si suppone che funzionerà comunque se non subentrano problemi. Chi invece ha una sesta molto occupata, e lesa dalle case nettuniane – la nona e la dodicesima – potrà essere tendenzialmente ipocondriaco o avere reali problemi di salute. Dà inoltre indicazioni sulla maniera di vestirsi, un modo primario per sentirsi integrati in un gruppo “normale” oppure esclusi, per scelta o problemi di altra natura. Come pure segnerà la vocazione al, o il rifiuto del, lavoro dipendente, e l’atteggiamento mentale verso le gerarchie, impiegatizie ma non solo. Può far vedere talora piccino e produrre una certa meschinità caratteriale, tipica di chi spia i colleghi per essere certi che non ottengano più di quello che a loro spetta. L’importante è restare nei ranghi o, se si sale di livello, che l’ascesa avvenga seguendo tutto l’iter previsto. Segnala il modo di affrontare le piccole difficoltà del quotidiano, comprese quell’immenso ingranaggio che è la macchina burocratica. È molto attenta ai dettagli, come la Vergine cosignificante, e cura “il più piccolo di sé” come lo definì Barbault, piccolezza entro la quale si situano anche i rapporti con gli animali domestici, visti secondo un’ottica antropocentrica, ossia come creature da aggiogare o da esibire come status symbol, nel caso si ignorino simpatici meticci e si scelgano creature con pedigree blasonati per far capire agli altri chi si è. Insomma, la casa vuole un’etichetta per ogni cosa, oppure una “firma” che attesti il proprio gradino sociale. E, in questa epoca di griffe massificate e falsificate, alla mia sesta molto vuota non resta che affermare che il marchio D&G o qualsivoglia altro mi sembrano fatti per persone che non sanno scegliere col loro gusto…

Casa sesta tra Ariete e Toro – Il rapporto con il corpo e l’eleganza è spartano se non militaresco. Può esserci un profondo rispetto delle gerarchie ma ciò non esclude che, di fronte all’impiegato borioso o maleducato, il soggetto sbotti in un «Lei non sa chi sono io!», talvolta arrivando alla minaccia fisica. Col passare della casa in Toro si assume però un atteggiamento più mite e paziente nei confronti del lavoro e delle scocciature quotidiane, anche se resta inalterato un certo disinteresse per la salute.

Casa sesta tra Toro e Gemelli – Nei confronti del lavoro c’è un approccio morbido e realista. Bisogna impegnarsi per portare a casa la pagnotta, e ogni altra eventuale considerazione non importa. Proprio per questo si può assumere l’atteggiamento del pio bove carducciano, che ara i campi e sembra non faticare, anche in virtù dei suoi movimenti lenti. Se il rapporto con la propria salute è tendenzialmente buono, si vorrebbe che anche gli altri stessero bene e, proprio per questo, può dare un’attitudine alla professione medica. Quando nella casa subentrano i Gemelli la pazienza cala però vertiginosamente. Si cerca quindi un’occupazione divertente, intellettuale o a contatto con gli altri, pur avvertendo dentro di sé l’impressione che qualsiasi risultato non è pari alle proprie attese mondane.

Casa sesta tra Gemelli e Cancro – La casa del più piccolo di sé sta un po’ stretta ai Gemelli che, per sentirsi a loro agio, devono trovare un’occupazione brillante dal punto di vista sociale. Se così non accade, il soggetto cerca di non annoiarsi sul lavoro, sul quale potrà essere sveglio e rapido, magari trovando il tempo di raccogliere più pettegolezzi possibile oppure spargendoli lui per primo per creare occasioni di divertimento. Può esserci il rischio di una certa fragilità, fisica se non psicologica, che non migliorerà col passaggio della casa in Cancro. O meglio, è possibile che il soggetto trovi il modo per delegare ad altri le fatiche quotidiane, magari nascondendosi dietro una vera o presunta debolezza.

Casa sesta tra Cancro e Leone – «Voglia di lavorar saltami addosso…» recita il proverbio, oppure l’intelligenza del segno può far sì che si abbia la maggior resa con la minor spesa, anche fisica. È possibile che si operi in un’impresa familiare o in un ambiente prettamente femminile. Il gusto per l’abbigliamento può essere romantico se non languido, a meno che non si dirotti direttamente sul pigiama. Col passaggio della casa in Leone le insofferenze professionali non migliorano perché, anche se si può ottenere un lavoro di maggior prestigio, si corre il rischio che non sia mai pari alle proprie ambizioni, o al proprio Ego.

Casa sesta tra Leone e Vergine – Il Leone nella casa del lavoro dipendente non è a proprio agio. Nessun lavoro sarà mai all’altezza delle attese dell’Io del soggetto che talvolta, proprio per questo, potrà esplodere in sceneggiate cosmiche se si sente sminuito. Ciò accade più di frequente nei locali pubblici, nei quali il soggetto potrebbe pensare di non essere stato oggetto di attenzioni sufficienti, oppure se si è speso tanto per un lavoro e non si è sentito gratificato a sufficienza. Quando subentra la Vergine certi eccessi di grandeur però spariscono quasi del tutto, o si manifestano sporadicamente, anche se se può intervenire una certa maniacalità nella cura del corpo, forse anche per ovviare a eccessi precedenti.

Casa sesta tra Vergine e Bilancia – La Vergine in sesta è come il cacio sui maccheroni, ossia al posto suo. Efficiente nel lavoro, attenta al dettaglio (anche ai dettagli del funzionamento del proprio corpo) forse con qualche eccesso di troppo in fatto di suscettibilità per ciò che riguarda il proprio operato. Quando la casa passa in Bilancia si mantiene un atteggiamento razionale nei confronti del lavoro o delle piccole seccature, ma ci si è fatti crescere nel frattempo un maggior pelo sullo stomaco rispetto alle critiche. Grande è comunque la cura dell’abbigliamento, sia con il primo che con il secondo segno.

Casa sesta tra Bilancia e Scorpione – Il lavoro e il quotidiano sono affrontati con equilibrio e si cerca di portare armonia in ufficio o nel luogo dove si opera. Si hanno relazioni corrette e oneste con colleghi e superiori, con i quali si potrebbe però entrare in conflitto per questioni di principio. Rapporto inizialmente maniacale con l’eleganza, ma tutto cambia allorché subentra lo Scorpione, quando si comincia a infischiarsene parecchio. Come pure cambiano le modalità di relazione nel mondo del lavoro dove, dismesse le armi della legalità, si affilano quelle dell’astuzia e della competizione.

Casa sesta tra Scorpione e Sagittario – Il quotidiano annoia, come pure la routine lavorativa, e allora tanto vale metterci su un po’ di pepe (e in qualche caso anche del sesso). Potrà essere il caso di chi tesse oscure manovre nel posto di lavoro (o viceversa ne è vittima) oppure lo osserva con occulto cinismo e disincanto per farsi il meno male possibile. Col passaggio della casa in Sagittario, però, le cose mutano parecchio. O il soggetto trova un’occupazione all’estero oppure riesce a divertirsi lavorando, cogliendo il lato comico delle cose che gli passano accanto.

Casa sesta tra Sagittario e Capricorno – Si può lavorare con entusiasmo se non ci si annoia e si riesce ad evadere almeno con la fantasia. I rapporti con i colleghi possono essere buoni e prodighi di consigli, elargiti o subiti, dipende caso per caso. Può esserci un grande amore per gli animali e, talvolta, un lavoro a contatto con la natura oppure con l’estero. Quando nella casa prevale il Capricorno si perde forse in spinta euforica ma si acquista in durata dei risultati. Il rapporto con la salute è dapprima ottimista, e incuriosito dalle medicine alternative, poi si passa a un realismo un po’ cinico ma tutto sommato sereno.

Casa sesta tra Capricorno e Aquario – Il lavoro e le piccole seccature quotidiane sono risolti con estrema efficienza e realismo, in qualche caso con una durezza un po’ troppo pragmatica per ottenere ciò che si vuole. Di solito si ignora il servilismo e si preferisce fare da sé e, in fatto di abbigliamento, si scelgono capi che durino. La salute è ignorata se non ci sono problemi seri e, in questo caso, si preferisce affrontare la realtà per trovare una possibile soluzione. Col subentrare della maturità, e dell’Aquario, si cerca di svincolarsi da un lavoro dipendente o, se lo si mantiene, si cerca di ottenere il maggior spazio di libertà personale e, per quel che riguarda il look, si sceglie quello che più piace indipendentemente dal parere degli altri.

Casa sesta tra Aquario e Pesci – Dato che quasi sempre occorre lavorare per vivere, tanto vale farsi meno male possibile e, se si ha un lavoro dipendente, si possono trovare escamotage per lavorare poco oppure come piace. Si possono instaurare rapporti diplomatici se non opportunistici sul luogo di lavoro, mentre la salute può essere un po’ fragile, con la tendenza a curarsi con rimedi strani o esotici. Una larvata ipocondria può rafforzarsi nel momento in cui i Pesci iniziano a esercitare il loro influsso, fase della vita in cui i confini, di qualsiasi tipo, stanno sempre più stretti. Non è consigliato comunque un lavoro tradizionale.

Casa sesta tra Pesci e Ariete – Il dodicesimo segno si trova spaesato nella casa dell’ordine e proprio per questo tenderà a creare attorno a sé un caos a suo modo organizzato, dove riesce a raccapezzarsi (nei rari e migliori casi) solo il diretto interessato. Chiaramente non favorisce una carriera all’anagrafe o al catasto, ma potrebbe essere indicato per chi opera nel settore della sanità o dell’handicap. Spesso si preferisce però lavorare da soli, talora in una condizione di isolamento. Per molti versi un pesce fuor d’acqua, il soggetto potrà avere un atteggiamento pavido o sconsiderato verso la salute, mentre per ciò che riguarda l’abbigliamento e l’igiene intima, il meno che possa capitare sono i calzini spaiati. Può darsi però che per necessità o una maturazione esistenziale (e il passare della casa in Ariete) si acquisti maggior piglio nel settore del lavoro, passando da un atteggiamento passivo ad uno diffidente o aggressivo. E la salute verrà affrontata a testa bassa…

Sole in sesta casa
L’energia vitale si esplica soprattutto nel fare, e nel fare cose che possano essere comprese o impiegate dai più, tanto che in alcuni casi il proprio nome o il proprio volto diventa un marchio di fabbrica. Dà un temperamento tendenzialmente immobilista e timoroso dei salti nel buio, refrattario ai cambiamenti e a qualsiasi cosa lo distingua dalla massa. Se il pianeta è positivo, tale bisogno di normalità sarà vissuto senza inciampi, se sono presenti aspetti conflittuali potrà creare frustrazioni che lo fanno sentire in qualche modo inferiore, magari creando nevrosi o dipendenze di vario tipo. Alla base c’è quasi sempre una figura paterna piccolo borghese e concentrata sul proprio impiego, che insegna al figlio che, se lavori e non dai fastidio a nessuno, avrai assicurata una normalità che potrebbe somigliare a un’aurea mediocritas. Per una donna, un’immagine genitoriale di questo tipo spingerà a scegliere compagni attivi, per certi versi rassicuranti, se non intervengono ambizioni di altro tipo. Se il Sole è leso, la donna potrebbe incontrare partner che costituiscono una palla al piede per incapacità lavorativa o problemi fisici.

Alcuni esempi di Sole in sesta casa
Charlie Chaplin – 16 aprile 1889, ore 20, Londra
Loretta Goggi – 29 settembre 1950, ore 19,15, Roma
Whitney Houston – 9 agosto 1963, ore 20.55, Newark, New Jersey
Vanessa Redgrave – 30 gennaio 1937, ore 18, Londra
Yves Saint-Laurent – 1° agosto 1936, ore 19.45, Orano, Algeria
P.G. Wodehouse – 15 ottobre 1881, ore 19.00, Guildford, Inghilterra

Luna in sesta casa
In caduta per cosignificanza, qui la Luna è costretta a fare i conti con le minuzie del quotidiano. I suoi orizzonti si restringono e le emozioni sono confinate soprattutto in ciò che può far sentire inferiori, in problemi di lavoro o salute. La figura materna era quasi sempre relegata in un ruolo di scarsa importanza, a meno che non fosse troppo o esclusivamente concentrata sul lavoro. Una madre forse anche ottima organizzatrice sul piano pratico, quasi di certo meno attenta alle esigenze emotive del figlio. In certi casi troviamo pure la figura di una madre malata, che non ha potuto dedicarsi in pieno alla prole perché troppo impegnata a risolvere i propri problemi di salute. È possibile che, per uno dei motivi suddetti, l’infanzia sia stata organizzata seguendo schemi precisi e lasciando poco spazio alla fantasia. È una posizione più problematica per una donna che, salvo forti indicazioni contrarie, avvertirà sempre un vago senso di inferiorità e potrà talvolta comportarsi un po’ come l’ancella di famiglia. Minori problemi li avrà un uomo che tenderà a cercare una compagna sottomessa, e quasi sempre a considerarla un po’ inferiore a lui. La memoria può concentrarsi sui dettagli pratici, mentre il sonno può essere regolare, e scattare con una sorta di timer interiore.

Alcuni esempi di Luna in sesta casa
Woody Allen – 1° dicembre 1935, ore 22.55, New York
Giulio Andreotti – 14 gennaio 1919, ore 6.00, Roma
Charlotte Gainsbourg – 21 luglio 1971, ore 22, Londra
Judy Garland – 10 giugno 1922, ore 6, Grand Rapids, Minnesota
Giorgia – 26 aprile 1971, ore 21.20, Roma
Philippe Junot – 19 aprile 1940, ore 5.30, Parigi

Mercurio in sesta casa
Mercurio è domiciliato nella cosignificante Vergine e la sua presenza nella casa darà un’intelligenza attenta ai dettagli, scevra di fumoserie e indirizzata tutta ai risultati da ottenere, soprattutto se anche il Sole è in sesta. Se è in quinta farà convivere eccessi e lavoro, creando magari personaggi impegnati all’anagrafe durante la settimana, ma che nei week-end si scatenano in discoteca o in club per scambisti. Se il Sole è in settima fa unire la capacità di relazionarsi con il prossimo al perseguimento di risultati pratici. Può dare abilità commerciale legata all’artigianato, oppure ragionieri capaci di dilazionare i pagamenti per il bene della propria azienda. In qualche caso c’è l’impiego della notizia per servilismo, e nell’elenco sottostante sarà facile scoprire chi lo fa. Dà un’adolescenza seria e operosa, confinata nella normalità. Forse anche perché c’erano fratelli che lavoravano già o, in caso di lesioni, erano malati e costringevano perciò il ragazzo a un atteggiamento responsabile. Può dare il caso di chi lavora con i fratelli, e si veda in proposito la coppia canterina di Paola & Chiara, o di chi opera con gli adolescenti. Anche per eventuali figli valgono i ragionamenti succitati. Ossia potrebbero essere bloccati da problemi di salute (o è il genitore che si preoccupa soprattutto per questa) oppure li si vuole attivi e operosi, magari facendoli lavorare con sé. In qualche caso si avranno figli ritenuti inferiori alle proprie ambizioni.

Alcuni esempi di Mercurio in sesta casa
Paolo Bonolis – 14 giugno 1961, ore 21.50, Roma
Emilio Fede – 24 giugno 1931, ore 19.00, Barcellona Pozzo di Gotto, Messina
Chiara Iezzi – 27 febbraio 1973, ore 20.30, Milano
Paola Iezzi – 30 marzo 1974, ore 17.10, Milano
Stephanie di Monaco – 1° febbraio 1965, ore 18.25, Monaco
P.G. Wodehouse – 15 ottobre 1881, ore 19.00, Guildford, Inghilterra

Venere in sesta casa
Qui la dea dell’amore diventa crocerossina e si concentra molto sui problemi di salute, propri o altrui, forse anche per una certa dose di innata ipocondria. Oppure esercita una professione nel settore della sanità o della bellezza. In qualsiasi caso è quasi impossibile che non si presti molta attenzione al corpo, in qualche caso troppa. Può dare qualche senso di inferiorità affettiva, che spingerà i soggetti ad amare al di sopra o al di sotto del proprio rango sociale, innescando quindi le tipiche problematiche dei rapporti non paritari. Oppure si vuole avere un’affettività controllata, sottoposta a orari e regole, che raramente travolge l’intera esistenza del soggetto. O ancora chi ama letteralmente il lavoro oppure ha love-stories in ufficio o in fabbrica. Ovviamente ciò potrà essere più complesso da vivere per una donna, che spesso investe tanto nei sentimenti, e in questo caso potrebbe racimolare un raccolto se non magro non pienamente soddisfacente. L’uomo invece potrà convivere meglio con un’affettività part-time o incasellata, anche se potrà veder trasformare una certa ritrosia affettiva in ipocondria.

Alcuni esempi di Venere in sesta casa
Andrea d’Inghilterra – 19 febbraio 1960, ore 15.38, Londra
John Holmes – 8 agosto 1944, ore 22, Columbus, Ohio
Laura Pausini – 16 maggio 1974, ore 17, Faenza
Marcel Proust – 10 luglio 1871, ore 23.30, Auteuil, Francia
Stéphanie di Monaco – 1° febbraio 1965, ore 18.25, Monaco
Iva Zanicchi – 18 gennaio 1940, ore 22, Ligonchio, Reggio Emilia

Marte in sesta casa
Il pianeta del primato virile nella casa del più piccolo di sé in teoria non dovrebbe trovarsi molto a suo agio, ma non va dimenticata l’esaltazione per trasparenza nella cosignificante Vergine. Può dare piglio energico nelle questioni lavorative, e una competitività più o meno sana nel settore. È talvolta presente nel tema natale di chi si occupa per professione di abbigliamento, e talora scambia un abito firmato per un incentivo erotico. In alcuni casi estremi dà perfino chi usa il proprio organo maschile come strumento di lavoro, come accadde al compianto pornodivo John Holmes. O ancora potrebbe essere la posizione planetaria di chi usa la muscolatura per professione, spaziando dagli scaricatori di porto agli istruttori di body-building. L’impiego e il culto dei muscoli sarà quasi sistematico, regolare e finalizzato a una perfetta efficienza e forma. Va però detto che, oltre a tutte queste considerazioni, potrebbe esserci un qualche complesso di sudditanza, sociale o sessuale dipende dai casi. Per una donna può esserci inoltre l’attrazione per gli uomini socialmente inferiori: la canottiera del manovale attira molto di più del doppiopetto del manager. Nel suo significato di scatenatore di incidenti, possibili traumi fisici per lavoro, e le cronache riportano casi del genere quasi ogni giorno.

Alcuni esempi di Marte in sesta casa
Jeffrey Dahmer – 21 maggio 1960, ore 16.34, Milwaukee, Wisconsin
Mariastella Gelmini – 1° luglio 1973, ore 14.30, Leno, Brescia
John Holmes – 8 agosto 1944, ore 22, Columbus, Ohio
Julia Roberts – 28 ottobre 1967, ore 0.16, Atlanta
Yves Saint-Laurent – 1° agosto 1936, ore 19.45, Orano, Algeria Lina Sotis – 27 aprile 1944, ore 2, Roma

Giove in sesta casa
Domiciliato nei Pesci opposti per cosignificanza, Giove non sarebbe al posto suo in sesta, eppure la sua indole bonaria non crea troppi disagi nella casa. Certo l’ottimismo è limitato e non ci si aspetta di solito molto dalla fortuna, che si può ottenere con il lavoro o con una professione legata alla parola, all’immagine o al cibo, meno di frequente tramite lavori in cui si maneggi il denaro, vedi gli impiegati di banca. Spesso ci si accontenta del piccolo (salvo forti lesioni del pianeta) che è vissuto comunque come un piacevole dono della vita. Nella sua simbologia di linguaggio può dare precisione tecnica (talora un po’ pedante) e una certa adesione acritica alle idee della maggioranza o del proprio gruppo, la cui appartenenza dà sicurezza. Se è leso da pianeti in terza può far risultare vittima di pettegolezzi, per critiche o maldicenze sull’attività professionale. Di solito non è molto parlante sul piano della salute, salvo forti lesioni che fanno però supporre una certa ipocondria, a meno che non siano colpite le parti anatomiche legate a Giove, ossia bocca, occhi e tiroide. Talvolta dà una grande produzione lavorativa, e si vedano in proposito le vicende umane di Jules Verne e Vincent Van Gogh, che può avere anche una gran presa sulla massa, in un caso postuma.

Alcuni esempi di Giove in sesta casa
Piero Chiambretti – 30 maggio 1956, ore 1.30, Aosta
Claudia Gerini – 18 dicembre 1971, ore 16.20, Roma
Dori Ghezzi – 30 marzo 1946, ore 9.30, Milano
Vincent van Gogh – 30 marzo 1853, ore 11, Groot Zundert, Olanda
Irene Pivetti – 4 aprile 1963, ore 18.20, Milano
Jules Verne – 8 febbraio 1828, ore 12.00, Nancy, Francia

Saturno in sesta casa
È la posizione planetaria di chi usa la razionalità per organizzare funzionalmente il lavoro. Potrebbe essere quindi il caso degli addetti all’efficienza produttiva in una grande azienda o ai cosiddetti tagliatori di teste, quali George Clooney nel bel film Tra le nuvole, che passano di azienda in azienda per decidere quali e quanti posti sono in eccesso, e comunicarlo poi ai diretti interessati. Il potere quindi si ottiene col lavoro o sul lavoro altrui, spesso in tempi lenti ma duraturi, talvolta impiegando rigidità e durezza verso dipendenti e colleghi, in qualche caso anche con gli animali domestici, che potrebbero essere considerati un elemento di disturbo. Se il pianeta però non è leso si userà una certa dose di equità nel giudicare il lavoro, proprio e altrui. In caso contrario potrebbe accadere di essere vittime di mobbing o di un trattamento lavorativo ingiusto. Può dare un atteggiamento razionale nei confronti della salute, quello di chi si sottopone a periodici check-up senza strafare, o ancora potrebbe dare privazione della salute, o problemi alle ossa o ai denti. Oppure, se il pianeta è decisamente malmesso, si potrebbe essere vittime di casi di malasanità, in cui medici incompetenti abusano della propria posizione per coprire gli errori commessi.

Alcuni esempi di Saturno in sesta casa
Umberto Eco – 5 gennaio 1932, ore 18.30, Alessandria
Elena Gianini Belotti – 2 dicembre 1929, ore 19, Roma
Fabio Fazio – 30 novembre 1964, ore 1, Savona
Giorgia – 26 aprile 1971, ore 21.20, Roma
Loretta Goggi – 29 settembre 1950, ore 19.15, Roma
Renato Zero – 30 settembre 1950, ore 18.15, Roma


Urano in sesta casa
Esaltato nella cosignificante Vergine, qui Urano è davvero al posto suo. Ha la fissa dell’attivismo e del realizzare cose concrete, a volte con le proprie mani. Più che il culto del lavoro, che pure può esserci, questa posizione planetaria crea un incessante bisogno di agire per portare a compimento qualcosa. Determina quasi sempre soggetti che non sanno starsene con le mani in mano e, terminate le canoniche ore nel posto di lavoro, tornati a casa sistemano tutto quello che c’è da sistemare, pur di non starsene inattivi. A qualcuno potrà sembrare un temperamento un po’ nevrotico, ma in realtà è un modo come un altro per sentirsi vivi. Se il pianeta è beneficato creerà il perfetto bricoleur, se leso non spegnerà l’attivismo ma darà dei pasticcioni sempre all’opera nonostante una produzione artigianale disastrosa. Sempre se molto leso, potrà creare scarso fiuto nella scelta del posto di lavoro, o problemi nel settore. Per quel che riguarda la salute, i soggetti che ne sono influenzati preferiscono la chirurgia o i rimedi chimici tradizionali, mentre per ciò che concerne l’abbigliamento si passa dal funzionale a chi invece preferisce restare sempre al passo con i tempi. Come Marte, può creare incidenti di lavoro che possono ripercuotersi sull’integrità o salute del soggetto.

Alcuni esempi di Urano in sesta casa
Dario Argento – 7 settembre 1940, ore 14.00, Roma
Roberto Benigni – 27 ottobre 1952, ore 13, Castiglion Fiorentino, Arezzo
Fernanda Pivano – 18 luglio 1917, ore 8.30, Genova
Franca Rame – 18 luglio 1929, ore 12.25, Milano
Whitney Houston – 9 agosto 1963, ore 20.55, Newark, New Jersey
Vauro Senesi – 24 marzo 1955, ore 3.45, Pistoia

Nettuno in sesta casa
Sicuramente non è tra le posizioni più felici di Nettuno, eppure si trova comunque nei temi natali di musicisti o scrittori (di fantascienza come Philip K. Dick) che forse esorcizzano una voglia di fuga per altri versi impossibile con la loro produzione creativa, talvolta artigianale. È sacrificato soprattutto lo spirito di avventura perché il bisogno di controllo della casa inibisce obiettivi troppo fantasiosi o difficili da raggiungere. Se fortemente beneficato può dare persone che vivono il quotidiano come una piccola avventura, e magari mitizzano gli incontri avvenuti sul posto di lavoro o facendo la spesa. Nel suo significato di misticismo, potrà dare persone che seguono alla lettera riti religiosi, e non mancano mai a una messa o a un rosario oppure alla recitazione di un mantra, a seconda del culto adottato. Sempre a causa del significato di ripetitività sommato a quello di droghe di Nettuno può dare – ma non necessariamente dà – soggetti che stentano a uscire dalla dipendenza di sostanze, non importa di che tipo. Di solito non concede una gran fantasia, ma John Lennon, con Nettuno in Vergine e sesta, scrisse uno dei più incantevoli inni al cambiamento, Imagine, mentre Umberto Bossi da parecchi lustri vagheggia la nascita della nazione padana…

Alcuni esempi di Nettuno in sesta casa
Umberto Bossi – 19 settembre 1941, ore 21.00, Varese
Philip K. Dick – 16 dicembre 1928, ore 12.15, Chicago
Claudia Gerini – 18 dicembre 1971, ore 16.20, Roma
Loretta Goggi – 29 settembre 1950, ore 19,15, Roma
John Lennon – 9 ottobre 1940, ore 18.30, Liverpool, Gran Bretagna
Barbra Streisand – 24 aprile 1942, ore 5.04, New York

Plutone in sesta casa
Se pure in una posizione zodiacalmente neutra, le ambizioni e le capacità creative di Plutone – come è accaduto per Nettuno ma per altri motivi – stentano spesso a trovare un terreno favorevole nella sesta. Il bisogno di concretezza della casa costringe però Plutone a realizzare ugualmente cose o progetti, che difficilmente soddisfano in pieno il soggetto. I risultati possono essere tutt’altro che modesti, ma forse non accontentano quasi mai chi li ha prodotti, e si vedano in tal senso i vari “insoddisfatti” Joplin, Morrison e Nina Simone. Può inoltre dare l’ideatore di progetti seriali, anche nella moda, o, se si recita, la tendenza a incarnare un certo lato meschino dell’umanità, e vedi Diego Abatantuono. Può essere inoltre utile per chi non disdegna di creare intrighi impiegando menzogne ad hoc, magari sul posto di lavoro per screditare i concorrenti. Spesso ho trovato un Plutone di questo tipo nei temi natali di persone che tendono ad attirare l’attenzione su di sé raccontando piccole e innocue bugie, che però poi si fanno scoprire per la necessità di arricchire la narrazione di dettagli inutili. Può dare anche l’attitudine a mentire sul lavoro o sulla propria salute, oppure il bisogno di rivelare le inconsce menzogne altrui, e vedi il creatore della psicanalisi Freud. I migliori risultati si hanno comunque per chi, avvertendo in sé una sorta di inadeguatezza, quasi sempre psicologica, si concentra sul lavoro per cercare di superarla.

Alcuni esempi di Plutone in sesta casa
Diego Abatantuono – 20 maggio 1955, ore 2, Milano
Sigmund Freud – 6 maggio 1856, ore 18.30, Freiburg, Repubblica Ceca
Janis Joplin – 19 gennaio 1943, ore 9.45, Port Arthur, Texas
Jim Morrison – 8 dicembre 1943, ore 11.55, Melbourne, Florida
Nina Simone – 21 febbraio 1933, ore 6, Tryon, North Carolina
Serena Williams – 26 settembre 1981, ore 20.28, Saginaw, Michigan

4/9/2010