LA ROTTA DI ULISSE

 


Contatti: massimomichelini1@virgilio.it

Nettuno e il cambiamento

Parte prima, il pianeta nei segni

di Massimo Michelini

Nella perfetta logica dello Zodiaco, a Nettuno spetta una funzione basilare, spesso misconosciuta o poco appariscente, anche perché si manifesta poco alla volta, e in forma silenziosa, spesso sul momento non facendosi capire. Regola infatti il cambiamento, la trasformazione, le metamorfosi, ossia l’andare oltre la forma iniziale. Opposto e complementare al secondo pianeta transplutoniano ipotizzato da Lisa Morpurgo, quell’Y che presiede al tempo lento e al cercare di restare sempre uguali a se stessi, Nettuno governa appunto la tendenza antitetica, ossia il cambiare. Tendenza che può essere applicata in qualsiasi settore della vita, come il lavoro, la casa, l’amore, l’aspetto fisico, perfino le idee e il culto d’origine. I cambiamenti possono essere inoltre esterni, nell’ambiente circostante, o interiori, ma non si abbia l’ingenuità di credere che si cambia sempre in meglio. Possono esserci infatti anche grossi peggioramenti, non solo quelli fisici legati all’inevitabile invecchiamento legato all’età, ma pure mentali, ideologici, esistenziali. Teniamo conto che Nettuno in sé non ha il concetto di giusto o sbagliato – riconducibile piuttosto a Saturno – quanto ha la volontà di andare oltre, adattandosi al tempo che passa, alla propria forma che cambia, ai virus e alle ideologie che si incontrano – perché Nettuno è legato sia al sistema immunitario sia alle credenze religiose o politiche, in senso ampio.
Potrai andare quindi oltre migliorando puntando verso qualcosa di più elevato, oppure degenerare nel conformismo, nella paura, nella ripetizione di rituali rassicuranti. Se peggiori quasi sempre lo fai però per esigenze adattative alla realtà esterna.
Nettuno ti insegna infatti che per sopravvivere devi adeguarti e per essere sempre te stesso paradossalmente è necessario cambiare, come affermava in senso politico il Tancredi del Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa: “Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi”1. Per affrontare poi nuove strade devi avere la speranza di arrivare a una meta sicura, magari perché devi affrontare un percorso irto di ostacoli, armandoti anche di fantasia, tutte simbologie nettuniane.
Intendiamoci, di eroi ed esploratori al mondo ce ne sono pochi e Nettuno perciò non è utile solo a loro, anche se quasi sempre chi lo è davvero ha un Nettuno forte.
Serve anche alla casalinga, all’impiegato del catasto, al nevrotico e alla persona serena di spirito che, grazie a lui, riescono ad adattarsi al fluire del tempo, cambiando nelle idee, nella forma, spostandosi di luoghi per riuscire ad essere sempre se stessi, ovvero quello che lo Zodiaco ha destinato loro di essere.
Nettuno, è universalmente noto, è un pianeta generazionale, poiché resta in un segno poco più di tredici anni. Come ho scritto infinite volte parlando dei pianeti lenti, essi hanno lo stesso identico valore degli altri nel formare la personalità, e non solo non sono meno importanti dei cosiddetti pianeti personali, ma anzi a mio avviso sono loro a fornire i desideri profondi, pur essendo questi desideri stessi comuni a milioni e milioni di persone. Per tredici anni, tanti quanti Nettuno ne spende in ciascun settore zodiacale, ci saranno quindi analoghe modalità di trasformazione, spesso seguendo le mode del momento, ideologie di un certo tipo, fantasie diffuse. Ossia in tanti tenderanno a reagire nello stesso modo, e compiranno un percorso di trasformazione analogo, se mai altri elementi non li tratterranno. Di rado poi i cambiamenti veri sono repentini. Se ci sono non sono quelli di Nettuno, profondi, e sono dettati da altri pianeti. Nettuno no, lui lavora nel profondo, attraverso suggestioni impalpabili, spesso senza farti accorgere di dove stai andando. Va detto inoltre che è quasi impossibile che una persona non cambi mai. O almeno che in un angolo della sua mente non tenda a farlo.

Passiamo però alla posizione dei segni, con un’avvertenza. Non tratterò la sua posizione in Ariete e Toro perché chi la possedeva è morto da un’infinità di tempo, e nessuno tra noi, salvo i centenari ora alle prese con altri problemi, ha avuto la possibilità di conoscerli.

 


Anche tutti i Nettuno in Gemelli2 sono morti da un sacco di tempo, ma qualcuno li ha conosciuti e vale quindi la pena almeno accennare a loro. I miei nonni ad esempio erano tra di essi e ne conservo un ricordo vivido, anche se sono morti da tanto. Come posizione di esilio, di certo non ha favorito alcune sue simbologie, come il misticismo e lo spirito di avventura. I loro cambiamenti si sono verificati soprattutto per adeguarsi a quello che andava di moda nella società, magari abbracciando anche ideologie di massa in cui non credevano davvero, come ad esempio il nazismo e il fascismo. Lo hanno fatto però perché così facevano tutti, e non sopportavano l’idea di restare isolati socialmente. Il cambiamento quindi era visto come una necessità inevitabile, ma non ci si poteva mica credere troppo.

Pure i Nettuno in Cancro3 sono quasi tutti morti o veleggiano oltre il secolo d’età. Nel segno il pianeta c’entra poco o nulla, e i viaggi sono soprattutto interiori. Gli adattamenti e i cambiamenti anche rispetto alle nuove istanze sociali sono venuti soprattutto per un’esigenza di difesa personale. A differenza di quanto fecero i Nettuno in Gemelli che cambiavano per non essere esclusi socialmente, quelli in Cancro lo fecero per paura di venire attaccati per una ipotetica diversità, nel caso non si fossero adeguati all’andazzo corrente. Le mutazioni vere sono state però soprattutto quelle interiori, rimodulando il proprio vissuto anche grazie alla rielaborazione delle sensazioni del passato, rimpiante ma non più ripetibili.


In Leone4 Nettuno è in caduta, tanto che i nativi del segno non contemplano nemmeno la possibilità di essere diversi perché già si ritengono perfetti. Scherzi a parte, uno dei grossi problemi del Leone è proprio l’adeguarsi ai tempi che cambiano, a situazioni nuove, abbandonando la fissazione dell’eternità, a cui mira inconsciamente. I nati con questa posizione zodiacale cercarono quindi i cambiamenti soprattutto se avvertivano un disagio interiore, capendo che qualcosa, per forza di cose, dovevano fare per tentare di stare meglio. Anche in questo modo però gli pareva una sorta di ingiustizia, e facevano una grande fatica ad accettare l’idea di adattarsi. Una volta compiuto il passo poi, avrebbero sperato che ora tutto potesse restare sempre identico ma, al successivo cambiamento richiesto, si ritrovavano a sperimentare di nuovo la difficoltà ad adattarsi a quanto era sopraggiunto.

Cosa che spesso è successo anche ai Nettuno in Vergine5, ma con una grossa differenza. La Vergine è realista, e ha in esaltazione Urano, che in Aquario sostiene Nettuno. Quindi anche se i nati in questa generazione avrebbero voluto lasciare sempre tutto uguale, poi sanno per istinto che per sopravvivere bisogna modificare le cose. Si sono quindi adattati a preventivare le trasformazioni materiali a volte indispensabili, riuscendo così a tamponare le istanze ansiose e nevrotiche di fondo che tenderebbero all’immobilismo. Vorrebbero comunque fermare il caos generato dall’entropia ma, avendo capito che tutto passa e se ne va, preparano per tempo le valigie, i lasciti ereditari, le assicurazioni, il piano B in caso di necessità. Non vivranno come una avventura e una possibilità le trasformazioni indispensabili della vita, ma le affronteranno come una malattia esantematica che per forza di cose si deve passare, se non sei stato vaccinato per tempo. Nel processo di trasformazione poi cercano di non rimetterci economicamente, un loro pensiero fisso. Il guadagno non lo contemplano in questa fase, per loro può arrivare solo se programmato.


In Bilancia6 Nettuno occupa invece una posizione privilegiata, essendo qui esaltato per trasparenza. Nel segno il pianeta dà infatti la necessità di mettere in discussione il proprio modo d’essere, anzi d’agire, soprattutto dal punto di vista etico. La moralità è infatti spesso in cima alla lista dei pensieri, come pure il concetto di giusto o ingiusto, a causa della presenza di Saturno nel segno. La somma di Nettuno e Saturno rende quindi mediamente i nati in questa generazione pronti a seguire la moralità corrente, ma pure a metterla in discussione se ci si accorge che i modelli di comportamento sono superati o vanno adattati al proprio essere. Perché i cambiamenti sociali impongono spesso un adattamento a nuove realtà, anche di comportamento, e Nettuno ti dà la possibilità di mettere in discussione, sia pure mediante un lungo processo, situazioni stantie per poi passare a nuovi punti di riferimento etici, per andare oltre quando quel modello sarà anch’esso superato.

Nettuno in Scorpione7 ha ovviamente molte meno necessità morali della posizione in Bilancia. Preferisce invece ravanare nel torbido, attingere la linfa vitale dal sesso e dal cercare di arricchire, spesso sfiorando territori paludosi, da un punto di vista etico, erotico e finanziario. Si tratta infatti della prima generazione cresciuta a pane e porno, anche grazie alla contemporanea presenza di Plutone in Vergine, (sempre parlando di grandi numeri, perché ci sono sempre eccezioni) e con la diffusa possibilità di arricchire anche se partivi da basi economiche modeste. Nel corso della vita questi soggetti possono quindi essere passati dalla totale castità alla lascivia più sfrenata, poi aver raggiunto un momento equilibrio, come pure in campo economico aver passato infinite fasi di adattamento a quanto la realtà finanziaria circostante suggeriva. Di solito sono abbastanza assenti gli eccessi etici ma, se ci sono, di solito servono a sublimare questioni irrisolte sul piano sessuale o materiale. Ossia si vorrebbe e non si riesce a ottenere, e ci si rifugia pertanto nella moralità o nella religione.

Nettuno in Sagittario8 è in domicilio base e ha quindi qui una delle sue posizioni più importanti. Una delle sue caratteristiche più evidenti è che i soggetti che lo possiedono hanno in sé una sana fetta di attese verso il futuro, quasi sempre certi che prima o poi otterranno quanto vogliono. O, se sono proprio casi disperati, ci arriveranno nella prossima vita, perché da qualche parte – a detta loro – c’è sempre una soluzione. Attingono quindi alle novità che l’evoluzione sociale e storica propone come una possibilità di miglioramento, certi delle “magnifiche sorti e progressive”9 dell’umanità. E, se la realtà dei fatti li smentisce, sono pronti ad aspettarsi un nuovo evento che porti il miglioramento auspicato. Non solo, anche nell’evento più tragico tendono a trovare un insegnamento di vita, sia esso possibile sia solo frutto del loro ottimismo ad oltranza. Il cambiamento viene visto come un’opportunità, atteso come inevitabile, anzi auspicabile, a dieci come a cento anni.

Il pianeta in Capricorno10 appartiene a una generazione recente che sta tuttora facendosi largo a suon di realismo per trovarsi una propria strada economica e professionale, nonostante la realtà sociale non sia per loro né favorevole né facile. Aggiungo che il realismo adattivo nei soggetti che lo possiedono è quasi sempre rafforzato dalla contemporanea presenza di Urano nel segno e, per due anni e più a cavallo tra Ottanta e Novanta, pure di Saturno. Ossia i giovani che lo hanno nel loro tema natale hanno di solito una notevole capacità di adattamento lavorativo, spesso guardando al sodo più che alla forma. Non trovano quindi disonorevole fare lavori umili e faticosi, se non ci sono altre possibilità bisogna prendere quello che passa il convento. A differenza di quanto fa Nettuno in Vergine vedono però i loro sforzi tesi ad ottenere il massimo, anche economico, e sono disposti a fare quattro lavori in contemporanea per poter poi comprare quanto desiderano. Non sentendosi di solito nemmeno eccessivamente privati di quanto vorrebbero, perché si considerano artefici del loro destino e, anziché incolpare una sorte infame, assumono su di sé la volontà di ottenere il massimo. Nettuno in questo senso dà la possibilità realistica di credere e mettere in pratica il cambiamento, sulle basi di quanto la realtà circostante offre. E, se non offre nulla, ci si arrotola comunque le maniche, perché bisogna farlo. Va detto che in qualche raro caso una percentuale minima dei nativi si attacca a immaginifici sogni di miglioramento, grazie ai quali otterranno successi economici lontani dall’essere possibili. Si tratta però di una percentuale davvero piccola.
 


I nati con Nettuno in Aquario11 sono tutti molto giovani, se non ancora adolescenti. Sono nati in periodi di immense trasformazioni, sul piano economico, sociale e tecnologico e anche per questo presentano una capacità di adattamento grande. Per nostra fortuna sono cresciuti in una società multietnica e hanno imparato da subito a convivere con realtà culturali diverse dalla loro d’origine. Spesso tra loro poi hanno un’idea fluida della sessualità, non si riconoscono in un solo ruolo e lasciano aperte le porte, a volte confondendo l’amicizia e l’amore. Se il tendenziale possibilismo li farebbe sembrare estranei a ogni irrigidimento esistenziale, all’atto pratico hanno però delle forti connotazioni ideologiche, che si risvegliano se necessarie. Così sin da adolescenti si mobilitano per il futuro del clima della Terra, per il gay pride, per le istanze più libertarie, anche se i transiti planetari attuali indirizzano la storia in una direzione conservatrice. Per nostra fortuna il futuro è in mano loro, che sono libertari per DNA astrologico. Cambieranno tanto e senza fatica, cercando sempre un equilibrio tra quello in cui credere e la realtà. Ma un compromesso lo sapranno raggiungere.

 I Nettuno in Pesci12 sono ancora piccoli o piccolissimi, e possiamo solo ipotizzare le loro future possibilità di cambiamento. Spesso ipersensibili ed emotivi, sembrano tanto fragili e sempre sul punto di rompersi, ma in realtà il loro tendenziale camaleontismo gli consentirà di adattarsi a quanto dovranno fare. Anzi, saranno loro stessi degli irrequieti fantasiosi, anche se la presenza di Plutone in Capricorno correggerà in parte questo modo d’essere, non facendo mai dimenticare loro le esigenze del portafogli, e della vita reale. Insomma, sogneranno tanto, ma un controllo al conto corrente on line lo faranno comunque e sempre. Perché la sicurezza è una cosa importante, come del resto la fantasia.



Il prossimo mese sarà la volta del pianeta nelle case e in rapporto con gli altri pianeti, per riuscire ad analizzare nel dettaglio come e quando cambiamo, o se avvertiamo difficoltà nel metterlo in pratica.

N.d.A. : Alcune delle riflessioni riportate nell’articolo sono ricavate da discussioni e indagini sull’argomento nel mio gruppo Facebook Rotte e approdi - Gruppo di astrologia dialettica morpurghiana13, da me creato e gestito.


 

1 https://it.wikipedia.org/wiki/Il_Gattopardo
2 L’ultimo passaggio si chiuse il 21 maggio 1901, quindi più di un secolo fa.
3 Vi restò dal 20 luglio al 25 dicembre 1901; dal 22 maggio 1902 al 23 settembre 1914; dal 15 dicembre 1914 al 19 luglio 1915; dal 21 marzo al 1 maggio 1916.
4 Dal 24 settembre al 14 dicembre 1914; dal 20 luglio 1915 al 20 marzo 1916; dal 1 maggio 1916 al 21 settembre 1928; dal 20 febbraio al 24 luglio 1929.
5 Dal 22 settembre 1928 al 19 febbraio 1929; dal 25 luglio 1929 al 3 ottobre 1942; dal 18 aprile al2 agosto 1943.
6 Dal 4 ottobre 1942 al 17 aprile 1943; dal 3 agosto 1943 al 24 dicembre 1955; dal 13 marzo al 19 ottobre 1956; dal 17 giugno al 5 agosto 1957.
7 Dal 25 dicembre 1955 al 12 marzo 1956; dal 20 ottobre 1956 al 16 giugno 1957; dal 6 agosto 1957 al 4 gennaio 1970; dal 4 maggio al 6 novembre 1970.
8 Dal 5 gennaio al 3 maggio 1970; dal 7 novembre 1970 al 18 gennaio 1984; dal 24 giugno al21 novembre 1984.
9
Anche se Leopardi che le decantò nella “Ginestra” lo diceva in senso del tutto ironico.
10
Dal 19 gennaio al 23 giugno 1984; dal 22 novembre 1984 al 28 gennaio 1998; dal 24 agosto al 27 novembre 1998.
11
Dal 29 gennaio al 25 agosto 1998; dal 28 novembre 1998 al 4 aprile 2011; dal 6 agosto 2011 al 3 febbraio 2012.
12 Dal 5 aprile al 5 agosto 2011; dal 4 febbraio 2013 al 30 marzo 2025; dal 22 ottobre 2025 al 26 gennaio 2026.
13 https://www.facebook.com/groups/198516613553915/

 

massimomichelini1@virgilio1.it

Agosto 2019


Copyright © 2019La Rotta di UlisseTutti i diritti riservati