LA ROTTA DI ULISSE

 


Contatti: massimomichelini1@virgilio.it

Plutone, menzogne, intrighi e recitazione

Parte prima, il pianeta nei segni

di Massimo Michelini

Se un extraterrestre analizzasse la vita umana senza sapere nulla del nostro modo d’essere di certo si stupirebbe per alcuni comportamenti comuni e forse bizzarri propri del genere a cui apparteniamo. Che senso ha infatti mentire, ordire complotti, impersonare il carattere di un altro, a volte mascherandosi1 per avere un aspetto differente dal proprio? Quale singolare legge di natura impone questo comportamento? I mammiferi, le creature più vicine a noi della nostra stessa specie, non fanno nulla di tutto questo, in alcuni rari casi imitano gli altri animali o l’uomo, ma non sanno dire bugie o ordire cospirazioni.
Nei rapporti con il prossimo si limitano a difendersi, ad attaccare, a cercare di prevalere sugli altri usando mezzi semplici, non complicati. Sugli altri mammiferi Plutone agisce in modo diverso rispetto agli umani, pare evidente.
Mi chiedo quindi cosa sarebbe se il comportamento dell’uomo fosse come quello degli animali. Molto probabile che il paragone metterebbe in risalto la superiorità etica delle cosiddette bestie. Di cosa avrebbe potuto scrivere però William Shakespeare, genio assoluto della letteratura? Le sue storie sono infarcite infatti di invidie, frustrazioni personali e complotti. Quei sentimenti disdicevoli alla base di molte storture umane che costituiscono l’ossatura di molte sue storie sarebbero scomparsi, o si sarebbero manifesti in maniera infinitamente meno complicata. Eppure, appare evidente anche alla mente più ingenua o semplice che – sia ragionevole oppure no - la gente mente, crea situazioni per raggirare il prossimo, impersona ruoli molto diversi dalla sua reale natura, per professione o temperamento. Già perché è strano ma il genere umano ama vedere rappresentate storie interpretate da persone che fingono per mestiere, gli attori.
Appare quindi evidente che, per quanto all’apparenza assurde, le simbologie legate a Plutone rispetto a menzogna e recitazione hanno un senso nella psiche dell’uomo, anzi possiedono una funzione adattativa propria soltanto del genere umano, piaccia o non piaccia.
Se le bugie possono essere dette per un interesse personale, che può spaziare dal raggirare gli altri al nascondere situazioni personali che non si manifestano per non subire il biasimo altrui, gli intrighi hanno di sicuro una connotazione sempre negativa, almeno per chi le subisce2. I complotti o come li si vuole chiamare sono sempre imbastiti per acquistare potere con alleanze costruite nell’oscurità. Spesso sono architettati senza alcuno scrupolo, scatenando dicerie contro il gruppo di persone o la persona che si vuole scalzare per metterle in cattiva luce3.
La recitazione infine è una forma accettata ed accettabile per entrare nei panni di un altro e non per questo si viene criticati dal prossimo.
Tutti sappiamo cosa significhi mentire, complottare e recitare, e l’astrologia afferma che questo singolare fenomeno è ascrivibile in gran parte a Plutone, anche se spesso il pianeta, soprattutto rispetto all’ingannare, deve avere il supporto di Mercurio per dare il suo meglio. Guarda caso si tratta del pianeta alleato di Plutone in Gemelli e Scorpione, due tra i segni più disinvolti moralmente, con tutte le ovvie e inevitabili eccezioni del caso.
In Gemelli si mente di solito perché non si crede alla verità, per ottenere vantaggi e perché ci si diverte a recitare un ruolo. Qui le energie creative proprie di Plutone si concentrano nella realizzazione di un personaggio, il proprio personaggio. Come tutte le creature inventate può anche apparire cattivo o feroce, in fondo si tratta di un character di fantasia e l’ipotetica malvagità in fondo non è vera. Allo stesso modo non si dà un valore eccessivo alla disonestà quando si gioca4, e il Gemelli gioca sempre. Quindi per lui quasi tutto è lecito.
Quanto agli intrighi, non sono una bella cosa e non si possono giustificare, ma rientrano nell’ottica di sopravvivenza dell’ottava casa, cosignificante dello Scorpione, quella legata alla finanza, alla politica e al distacco da schemi precedenti, consolidati ma stantii. Plutone agisce spesso con le stesse modalità di comportamento degli spermatozoi che lottano per riuscire a fecondare il seme femminile. Ossia sgambetta gli altri suoi simili per arrivare là dove gli interessa. Molti lo riterranno immorale, o fingeranno di crederlo, ma la vita e lo Zodiaco affermano “mors tua, vita mea”.
Sono modi per tentare di affermarsi e ottenere visibilità, impiegando il proprio lato ombra. Perché Plutone, anche se si espone alla luce dei riflettori e al giudizio di una platea, ha sempre un lato oscuro, quello che gli dà le energie per tentare di arrivare là dove vuole. Vuole fecondare e creare, e non guarda in faccia nessuno per riuscirci. Di questo parliamo oggi.

Se le persone nate con Plutone in un dato segno non possono essere tutte sincere o false o fautrici di complotti – si può capirlo soprattutto dalla posizione nelle case e dai rapporti che il pianeta instaura con gli altri pianeti – resta l’evidenza che esistono generazioni più disinvolte in fatto di verità, altre più ligie alle regole morali, altre ancora con attitudini istrioniche. Vediamo allora come la posizione nei segni influenza il nostro rapporto con il lato oscuro della personalità e dei rapporti interpersonali.


I nati con Plutone in Gemelli5 sono sempre stati molto disinvolti e, in media, grandi istrioni per l’innata tendenza a divertirsi e a non prendere nulla troppo sul serio. Nonostante l’apparente leggerezza hanno coltivato forti ambizioni. Plutone infatti è esaltato nel segno e ha spinto tanti di loro a sentirsi personaggi, o a fingere di esserlo. Sono sempre stati infatti fautori della libertà di mentire o di raccontare quello che gli pareva, senza remore nel mettere in scena come primi attori le piece capaci di attirare attenzione. Per la tendenza del segno ad amare e a diffondere pettegolezzi, possono aver alimentato voci contro personaggi potenti che detestavano, aspettando però il momento giusto per tentare poi di farlo fuori, sul piano reale o su quello morale. Si tratta infatti della generazione che ha subito o sponsorizzato i grandi totalitarismi che hanno portato alla Seconda Guerra Mondiale. Se è vero che alcuni di loro hanno provato ad abbattere i dittatori insediati nel loro paese, molti li hanno accettati se non adulati. Altri aspettavano solo il momento giusto per schierarsi dalla parte vincente.

I Plutone in Cancro6 tendono a mentire per difendersi o mantenere nell’ombra i lati oscuri propri o della famiglia. L’innata astuzia del pianeta sommata alla percettività del segno hanno creato persone a volte complesse, pronte a sfoderare armi intuitive per proteggere se stessi o chi amano. A volte perdendosi in storture emotive germogliate nei meandri interiori più oscuri e complessi. Con il patrimonio sentimentale che possiedono per DNA, per professione o attitudine personale hanno avuto a volte voglia di recitare il ruolo della persona complessa piena di emozioni, non necessariamente positive. La somma dei valori di pianeta e segno li ha a volte spinti a non riuscire a districarsi da una certa attrazione per le paludi, proprie o interrelazionali, al cui interno possono essere ricondotti anche complotti e intrighi, agiti o subiti.

I Plutone in Leone7 per molti versi sono semplici e trasparenti. Tra le simbologie trattate in questo studio quella più naturale per loro è la recitazione, semplificata rispetto alle varianti implicite nell’arte di interpretare un ruolo. I nativi vogliono infatti rappresentare il massimo, nel bene o nel male, spesso ignorando o trascurando le sfumature intermedie. Rispetto alle menzogne, possono impiegarle per orgoglio o omertà, per non far trapelare all’esterno eventuali debolezze o situazioni di cui vergognarsi. Il Leone è un pessimo perdente e il Plutone nel segno lo è altrettanto, e può diventare feroce se si sente in difficoltà, con una mentalità alla “Muoia Sansone con tutti i filistei”. Magari per questo affila la lingua e demolisce l’avversario con maldicenze o giudizi pesanti. Rispetto alla simbologia di intrighi, che sembrerebbe estranea alla natura profonda del segno, va detto che la generazione del terrorismo, degli Anni Settanta e Ottanta, era composta in gran parte da Plutone in Leone. Per una causa grande, anzi decisamente esagerata, i nativi potevano anche abbassarsi ad ordire complotti sanguinari.

In Vergine8 Plutone può trovare un terreno fertile soprattutto per le simbologie di menzogna e intrighi. Un po’ meno per la recitazione, ma la necessità del segno di eseguire al meglio ogni cosa fa sì che possano interpretare con grande perizia il ruolo prediletto, sia che si specializzino in un genere a teatro, sia che lo facciano nella vita di ogni giorno per temperamento. La necessità di omologazione propria della Vergine può far impiegare lucidamente la menzogna se torna utile, per proteggere se stessi ma anche per attaccare gli altri, quelli che eventualmente stanno sulle scatole. Se di solito si preferisce restare nell’ambito delle regole del vivere civile, anche nell’ambito della socialità, se il pianeta è leso può dare la tendenza ad associarsi con altri non troppo soddisfatti di sé per demolire qualcuno che è arrivato o è diverso dalla norma. Può essere il caso degli haters sui social, anche se il fenomeno purtroppo è trasversale e non colpisce un’unica generazione.

I Plutone in Bilancia9 sulla carta sembrano abbastanza immuni dalle simbologie trattate nello studio, eppure le mette in atto come le altre generazioni, anche se in misura minore. Come per molti altri, possono usare la menzogna per non mostrare i lati di sé che non amano, o per coprire carenze del partner o delle persone con cui hanno un legame affettivo. A volte anche per non ferire il prossimo dicendo la verità. Il Saturno che hanno in sé li spinge però a giudicarsi e a non farsi troppi sconti se usano scorciatoie. Preferiscono più spesso il silenzio o l’omertà, anche se, come sempre, esistono tutte le eccezioni del caso. In maniera analoga disdegnano i complotti ma potrebbero risultarne vittima, per rigidità morale o scarsa elasticità. Quanto alla recitazione, si tratti di un atteggiamento in società o di una professione, tendono a puntare molto sulla bellezza o sulle buone maniere oppure, per amore del paradosso, sull’esatto contrario.

Plutone in Scorpione10 potrebbe essere a nozze per le simbologie di menzogne e intrighi ma nell’ultimo passaggio tra la seconda metà degli Anni Ottanta e la prima degli Anni Novanta del secolo scorso, Urano e Nettuno transitarono tra Sagittario e Capricorno, ammorbidendo in un caso, nell’altro dando alle persone una connotazione di realismo e lealtà che hanno smorzato le potenziali cattiverie di Plutone in Scorpione. Fatte queste premesse, chi lo possiede può servirsi della lucidità disincantata del pianeta per distorcere o occultare la realtà, come pure per orchestrare macchinazioni o intrighi per ottenere posizioni di potere o solo per divertimento personale. O ancora per rigirare qualcuno per portarselo a letto. Va detto che in questi tempi di spiccata libertà sessuale non c’è bisogno di usare stratagemmi simili per ottenere piacere, semmai può essercene bisogno per tenere alla larga seccatori poco eccitanti sessualmente. Quanto alle capacità recitative, chi non lo fa per professione può attingere dalla risorse più profonde per darsi un’aura oscura, diabolica, in altri casi per apparire più attrattivo nel campo dell’eros. Per la scarsa tendenza del segno a voler apparire a tutti i costi, è possibile che usino Plutone più in privato che per calcare palcoscenici veri e propri, con tutte le eccezioni del caso, s’intende.

I I Plutone in Sagittario11 spesso e volentieri hanno una dose di ingenuità che mal si addice a Plutone. Possono inoltre distorcere la realtà non per cattiveria ma per deformazione immaginativa, e le eventuali bugie dette hanno le gambe molto corte12. Possono comunque mentire come tutti quanti ma sono poco attenti ai dettagli e tendono a esagerare nelle descrizioni, di solito facendosi scoprire presto proprio per questo. Come pure sono estranei a quanto ha a che fare con complotti e intrighi, sono troppo diretti e impulsivi per essere bravi nell’imbastirli. Aspirano però a una realtà idealizzata e auspicano un mondo diverso, magari complottando per riuscire a installarlo, anche se la cospirazione non è nelle loro corde. Anche in fatto di recitazione, lavorativa o non, non impersonano altre realtà ma immaginano di farne parte. Risultando poi credibili proprio perché si sono immedesimati tanto. Le mie osservazioni si basano sull’ultima generazione, i cui esponenti più vecchi hanno poco più di vent’anni. Pochi per avere un quadro chiaro, ma sufficienti per far intuire come agiranno in futuro

Parlare in Capricorno13 lo possiedono i bambini attuali, e i più vecchi di loro sono alle porte dell’adolescenza. Età sufficiente soprattutto per mostrare l’eventuale tendenza generica alla menzogna o alla recitazione. Per entrambi i casi pare che questi giovanissimi siano troppo diretti per avere un approccio contorto all’esistenza. La tendenza e cinica del Capricorno immagino che li porterà a usare bugie di circostanza solo per inevitabili necessità o, al massimo, per ottenere quello che vogliono. Se proprio poi dovessero sporcarsi le mani con macchinazioni dietro le quinte, lo farebbero per ottenere qualcosa di concreto, non certo per un gusto distorto nel manipolare il prossimo. Vedremo come diventeranno da adulti, ma al momento mi sembra che puntino verso altre direzioni.


Il prossimo mese sarà il turno del pianeta nelle case e in relazione agli altri pianeti, per chiarire ancora di più come Plutone ci fa mentire, ordire complotti o indossare una maschera. O essere vittime di chi ci racconta bugie o trama alle nostre spalle.

N.d.A. : Alcune delle riflessioni riportate nell’articolo sono ricavate da discussioni e indagini sull’argomento nel mio gruppo Facebook Rotte e approdi - Gruppo di astrologia dialettica morpurghiana14, da me creato e gestito.


 

MANUALE COMPLETO DI ASTROLOGIA,

VOLUME PRIMO - I SEGNI E GLI ASCENDENTI
A SETTEMBRE IN LIBRERIA


Me lo chiedono in tanti da anni, infine è arrivato il momento, con il favore di transiti planetari benevoli.
A settembre, grazie alla collaborazione con Gagliano Edizioni, esce il primo volume di quella che diventerà una collezione completa. Si tratta di una rielaborazione del materiale in parte già pubblicato sul sito, rivisto e integrato.
Il primo volume è dedicato a segni e ascendenti. Negli anni futuri, se gli astri continueranno ad essere amici, ci saranno tutti gli altri. Per raccogliere su carta e dare una sistemazione definitiva al materiale che, da dodici anni, ho immesso sul sito. Perché se è vero che il futuro della comunicazione passa attraverso il web, i libri conservano un valore differente.
Si tratta quindi dell'ufficializzazione e sistematizzazione di un'opera didattica che ho iniziato tanto tempo fa, e che prosegue tuttora con grande riscontro di pubblico. Non perdete questa occasione, acquistatelo. Avrete molto più di quello che avete letto sul sito, che resterà comunque attivo.

Massimo Michelini


Per informazioni: massimomichelini1@virgilio.it o edizionigagliano@gmail.com



 

 


 

1 La maschera è appannaggio simbolico di Plutone, ovviamente, si usa per il carnevale ma ai tempi degli antichi greci era impiegata in teatro, sia per le tragedie sia per le commedie.
2 Anche se in rari casi possono essere indispensabili, quando ad esempio un dittatore impedisce ai singoli di godere di ogni libertà o peggio ancora. Il tirannicidio a volte è salutare e per arrivarci devi ordire intrighi e complotti.
3 “Cattiva luce” sembra proprio la perfetta espressione di alcune simbologie plutoniane.
4 Ricordo ancora una volta che in inglese viene usato lo stesso verbo per recitare e giocare, “to play”.
5 Questi furono i passaggi di Plutone in Gemelli: 22 luglio-8 ottobre 1882; 2 giugno-3 dicembre 1883;
19 aprile 1884-10 settembre 1912; 20 ottobre 1912-9 luglio 1913; 28 dicembre 1913-26 maggio 1914.
6 10 settembre-20 ottobre 1912; 9 luglio-28 dicembre 1913; 26 maggio 1914-7 ottobre 1937; 25 novembre 1937-3 agosto 1938; 7 febbraio-14 giugno 1939.
7 7 ottobre-25 novembre 1937; 3 agosto 1938- 7 febbraio 1939; 14 giugno 1939-20 ottobre 1956; 15 gennaio-19 agosto 1957; 11 aprile-10 giugno 1958.
8 20 ottobre 1956-15 gennaio 1957; 19 agosto 1957-11 aprile 1958; 10 giugno 1958-5 ottobre 1971; 17 aprile-30 luglio 1972..
9 5 ottobre 1971-17 aprile 1972; 30 luglio 1972-5 novembre 1983; 18 maggio-28 agosto 1984.
10 5 novembre 1983-18 maggio 1984; 28 agosto 1984-17 gennaio 1995; 21 aprile-10 novembre 1995.
11 17 gennaio-21 aprile 1995; 10 novembre 1995-25 gennaio 2008; 15 giugno-28 novembre 2008.
12 Le gambe, si sa, sono simboleggiate dal Sagittario appunto. Il proverbio, come tutti i motti di spirito significativo della realtà simbolico-astrologica, dicono che al Sagittario la menzogna non si addice.
13 25 gennaio-13 giugno 2008; 28 novembre 2008-23 marzo 2023; 11 giugno 2023-21 gennaio 2024; 1 settembre-19 novembre 2024.
14 https://www.facebook.com/groups/198516613553915/

 

massimomichelini1@virgilio1.it

ottobre 2020


Copyright © 2020 La Rotta di UlisseTutti i diritti riservati