LA ROTTA DI ULISSE

 


Contatti: massimomichelini1@virgilio.it

Urano, la forza di decisione

Parte prima, il pianeta nei segni

di Massimo Michelini

Checché ne dicano alcuni, i pianeti lenti influenzano la vita dell’uomo come quelli rapidi, né più né meno. Mi pare infatti una motivazione risibile che, toccando intere annate, per forza di cose debbano avere meno valore dei soli pianeti noti nell’antichità, ossia quelli che vanno dal Sole a Saturno.
Se così fosse non avrebbe sostanza l’intera astrologia, perché i nati sotto un determinato segno hanno lo stesso numero di nativi di quelli venuti al mondo con Plutone in Vergine o Bilancia, tanto per fare un esempio a caso. Ossia un dodicesimo dell’umanità nasce sotto l’Ariete o i Pesci, come all’incirca un dodicesimo dell’umanità avrà Plutone nel tale o talaltro segno1. Il fatto che i nati in ogni singola annata abbiano posizioni analoghe non ridimensiona poi affatto il valore di quel dato pianeta. Inoltre Giove resta in un segno per un anno intero e Saturno per quasi tre, ma a nessuno è venuto mai in mente di dar loro meno importanza. Il problema interpretativo nasce però dalle difficoltà di chi ancora, consciamente o inconsciamente, si rifà a Tolomeo e non sa adeguarsi alle conoscenze che hanno consentito all’astrologia di arricchirsi nell’ultimo secolo, modificandosi appunto anche grazie ai tre pianeti trans-saturniani, oltre ai due ipotizzati da Lisa Morpurgo2, le cui valenze all’interno del tema natale sono tutte da verificare.
Dopo questo lungo preambolo, sproloquio o pippone che dir si voglia, arriviamo infine a Urano e alle sue simbologie.
Ho deciso di partire analizzandolo nel significato di forza di decisione, perché molte delle sue valenze ruotano intorno a questa sua capacità, o eventuale mancanza in caso di durissime lesioni. Intendiamoci, l’atto di decidere non è ascrivibile al solo Urano, perché anche Marte ha un suo peso e, se pensiamo a Saturno nella sua simbologia di capacità di scegliere, pure lui ha una valenza sul fenomeno. Ciò nonostante, l’impulso principale del passare dalla teoria alla pratica va attribuito a Urano. Soprattutto se lo intendiamo nella sua tendenza a mettere in atto brusche e inattese svolte, come pure di passare dalle parole ai fatti senza lasciare tempo al tempo.
Urano infatti “fa”, è il suo impulso naturale, come si può ben vedere nella sua sede di esaltazione, la Vergine, ma pure nei suoi domicili, in Capricorno e Aquario. Capaci di operare con efficienza ma pure, soprattutto nel caso dell’Aquario, di cambiare indirizzo nelle relazioni umani, senza degnare di un’occhiata il passato. Urano infatti è tutto concentrato sul presente, sul qui e ora, come va molto di moda definire una certa capacità di attenzione nelle terapie psicologiche in voga attualmente.
Urano come pianeta naturalmente opposto alla Luna riesce infatti a ridurre drasticamente l’impulso a cedere alle ansie, tendenza che può trasformarsi in un temperamento nevrotico, proprio della Luna a livello simbolico. Tant’è che a molte persone ansiose o depresse viene consigliato di fare lavori manuali (sotto il patrocinio e l’influenza di Urano, appunto) capaci di ridurre le ansie.
Nevrosi o non nevrosi, Urano ha un intrinseco bisogno di agire, non sa stare con le mani in mano perché si castrerebbe, quindi deve avere in sé la capacità di decidere. Ma ci sono infiniti modi di agire, a partire dal segno in cui Urano cade, in grado di modificare radicalmente le sue modalità di funzionamento.

Vediamo quindi in quale modo il pianeta nei segni prende, parte e fa.

Per chiarezza espositiva riporto lo schema di domicili, esaltazione, esilii e caduta, per rendere ancora più evidente dove il pianeta dà il suo meglio e dove invece presenta maggiori criticità.

Esaltazione: Vergine
Domicilio primario: Capricorno
Domicilio base: Aquario
Caduta: Pesci
Esilii: Cancro e Leone
Esaltazione per trasparenza: Gemelli
Caduta per trasparenza: Sagittario

Se Urano di per sé è drastico, l’Ariete ha geneticamente fretta. La somma dei valori dell’uno e dell’altro crea quindi dei decisionisti nati, che spesso e volentieri fanno precedere l’azione al pensiero. Ossia prima fanno, poi eventualmente ragionano su quanto hanno compiuto e sul perché lo hanno fatto. Non necessariamente compiono danni però, anzi. Sono maestri infatti nell’agire e nel reagire, anche se questo decisionismo spinto a volte fa loro demolire rapporti e situazioni che, con un minimo di ragionamento, potrebbero essere sistemati o salvati senza problemi. Con la baldanza propria del demolitore, Urano in Ariete prende, disfa, ricrea, usando la potenza di un caterpillar per dare il via a nuove imprese. Non sa quindi cos’è la decisione, È la decisione stessa.

In Toro la rapidità decisionale di Urano è paragonabile alle modalità di digestione della mucca, ossia molto, molto lenta. Come per tutte le cose che lo riguardano, per le scelte – importanti o meno importanti – deve valutare il pro e il contro, il vantaggio e lo svantaggio. Ossia, la rapidità sta di casa altrove. In compenso la scelta operata sarà tanto ponderata che ben difficilmente, salvo forti lesioni del pianeta, commetterà grossi errori. Tendenzialmente conservatore in campo economico ma non solo, riuscirà però a prendere decisioni rapide, in qualche caso capaci anche di cambiare drasticamente la sua vita, se qualcosa minaccia la sua serenità emotiva. Tanto per dire, sarà capace di rompere al buio – ossia sul momento senza alternative - un matrimonio o una società se ormai ne ricava solo sofferenza, anche se dovesse perderci un ingente somma di denaro. Nella maggior parte dei casi però non avrà operato in precedenza delle scelte tali da arrivare a rotture così brusche.

Urano in Gemelli può essere molto sveglio e rapido, e capace quindi di prendere con facilità decisioni. Forse però gli riescono meglio quelle più superficiali, mentre per le importanti magari ha qualche difficoltà in più, preso com’è da mille suggestioni diverse. Svelto nello scegliere quello che gli piace, può però farsi distrarre dalle troppe opportunità dettate dalla moda, risultando paradossalmente indeciso se troppo vasta è l’offerta di possibilità che gli si presentano. Di solito però segue l’andazzo corrente, spesso arrivando a conoscere in anticipo le novità in molti campi. In teoria questo sembrerebbe non entrarci un gran che con la capacità decisionale, ma all’atto pratico talvolta risulta indeciso per le cose fondamentali proprio perché non segue una scuola unica di preciso.

Urano in Cancro vorrebbe doversi evitare lo strazio della decisione, del cambiamento di abitudini consolidate, del dover compiere un tuffo in quel buio che si chiama futuro. La forza di compiere un’azione consapevole, frutto di una chiara volontà, è infatti intorbidata dall’immensa gamma di emozioni generate in automatico dal segno che ospita il pianeta. Così, prima di capire cosa fare e di decidersi a farlo, percorrerà con la mente il milione di ipotetiche alternative, spesso maledicendo il destino per l’impossibilità di restare ancorati al passato, la sua epoca prediletta della vita, quella in cui poteva delegare il peso di decidere ai genitori, o agli adulti in genere. Paradossalmente però sia l’esitazione sia l’intuito lunare che permea ogni suo gesto o azione lo aiuta a non sbagliare, o a non sbagliare troppo. Perché, come dice il proverbio, “chi fa sbaglia”. Il pericolo di questa posizione planetaria è proprio quello di delegare ad altri le scelte importanti della vita, correndo il rischio poi di rimpiangere il non aver fatto come avrebbe dovuto e voluto, per timori vari o solo per pigrizia.

Cadendo in un segno immobilista come il Leone, Urano non brilla certo per adattabilità e capacità decisionale. Vorrebbe infatti che le cose restassero sempre uguali a se stesse ma, sapendo che è impossibile, cerca di costruirsi una stabilità esistenziale tale da consentirgli di non cambiare troppo le cose. Anche lo scatto reattivo di solito non è il massimo, salvo i casi in cui sia costretto ad agire per difendere il proprio onore o buon nome. Perché l’orgoglio gli funziona infatti alla grande, e può essere un’ottima molla per decidersi ad agire nonostante i blocchi caratteriali. Certo non sempre si può attingere a questo sentimento, e un altro incentivo efficace per darsi una mossa è pensare a un possibile avanzamento sociale o al raggiungimento di qualcosa in grado di procurargli ulteriore lustro. L’azione e la decisione sono quindi agite soprattutto in funzione dell’Io, non necessariamente in virtù di un risultato materiale o pratico. Può essere però molto rapido se qualcosa metta in pericolo la sua vita. In tal caso l’istinto di sopravvivenza si accende all’improvviso e di solito funziona alla grande.

Urano in Vergine è molto bravo e veloce se deve decidere per una situazione che già conosce e rientra nei suoi schemi correnti, se gli tocca affrontare un imprevisto ha invece qualche problema in più. Magari in questo caso si precipita a cercare su Google per avere un consiglio o una strategia, ma non ha la prontezza sufficiente per gestire senza ansia quanto esce dall’esperienza corrente. Intendiamoci, di solito ha l’efficace attitudine del “chi ha tempo non aspetti tempo” e “ogni cosa ha il suo tempo e ogni tempo ha la sua cosa” e il realismo di certo non gli difetta. Quell’istinto che di solito non lo fa mai restare al palo di partenza in attesa di capire cosa vuol fare nella vita. Anzi, di solito ha preparato sin dalla più tenera età il suo piano esistenziale, che metterà in atto appena gli si presentano le circostanze giuste, se potrà trarne il vantaggio desiderato. Il realismo del segno e la praticità del pianeta infatti si sommano e non gli fanno mai dimenticare che, per ottenere le cose che vuoi, servono decisione e programmazione e che non puoi sprecare le tue energie per un progetto sbagliato.

La posizione del pianeta in Bilancia è una delle meno felici in fatto di capacità decisionali, soprattutto per quello che riguarda i tempi brevi. Per le decisioni meditate, che richiedono invece ragionamenti lunghi e ponderati va molto meglio, grazie all’apporto di Saturno nel segno. Lo slancio invece proprio non gli appartiene, anche per l’assenza strutturale nella Bilancia di Marte e Sole. Insomma, gli ci vorranno circa sei mesi per decidere dove andare in vacanza la prossima estate ma, nel momento in cui avesse davvero deciso poi la scelta sarà inappuntabile. Roso dal tarlo del dubbio come il segno che lo ospita, riesce a ovviare con la riflessione saturnina, essenziale ma non troppo utile nel caso della necessità impellente di una reazione immediata. Quasi sempre consapevole di questa carenza, sin dalla più tenera età spesso studia altre strategie di sopravvivenza per non farsi schiacciare in quella complessa battaglia che ha nome vita. Affidandosi alle volte alle decisioni degli altri, si tratti di un partner, di una famiglia, dell’azienda per cui lavori, di un partito politico. Tutti purché non si debba decidere in fretta e in prima persona. Ma, se proprio è indispensabile farlo, almeno si condivida la responsabilità con altri, come certi comitati di genitori che impiegano 7844 messaggi su Whatsapp per decidere in quale pizzeria ritrovarsi per la cena di fine anno della scuola.

Urano in Scorpione non ha la necessità di agire indiscriminatamente, ma decide di farlo soprattutto se sono in gioco elementi capaci di stimolare lo Scorpione. Ossia difficoltà, prove rischiose, l’apparente impossibilità a superare un ostacolo. Allora si risveglia, decide, osa. In qualche caso, se il pianeta è beneficato alla nascita, lo fa con consapevolezza e un pizzico di bizzarra gioia, se invece è leso nel tema radix lo fa comunque ma più per necessità che per scelta volontaria. Se invertendo l’ordine dei valori il risultato è sempre lo stesso, cambia però la facilità con cui uno decide e agisce. Non è una posizione planetaria che ama l’azione fine a se stessa. Ha bisogno di uno scopo per attivarsi, qualunque esso sia. Potrà quindi tuffarsi nella mischia per necessità, per odio verso qualcuno – il nemico, il rivale – per vedere fino a che punto può spingersi. L’attrazione verso il rischio è di solito molto alta ma, salvo casi particolari, è altrettanto viva la capacità di reagire di fronte al pericolo, si tratti del cambio di lavoro o di altro. Di rado crea persone rassegnate e monotone, salvo aspetti planetari particolari che inclinano al torpore. In qualche angolo remoto della personalità resta però sempre la voglia di sperimentarsi in una situazione atipica o estrema.

 Il pianeta in Sagittario non brilla nell’organizzazione, ma in compenso non è carente di entusiasmo e di avventurosa impetuosità. Quindi per le questioni pratiche tende a improvvisare o almeno a credere che riuscirà a risolverle sempre, perché un qualche santo, o Dio fatto pianeta, arriverà a dare una mano o a fornire le indicazioni giuste per risolvere ogni cosa. Tende quindi a perdersi in una sua vaghezza, e spesso non ha il senso del tempo, facendolo arrivare tardi o all’ultimo minuto, confidando di farcela comunque e sempre. Qualche volta il santo in paradiso è impegnato in altre cose, ma se accade questo l’Urano in Sagittario è geneticamente certo che riuscirà a rimediare in altro modo. Spesso si decide quindi a fare una cosa o a iniziare un’impresa sull’onda dell’impulso, a volte esagerando in ottimismo e inseguendo utopie non realizzabili. Ma, visto che i grandi sognatori sono quelli che hanno spinto avanti l’umanità, fantasie o non fantasie possono avere in sé una capacità decisionale forse non troppo razionale, ma comunque efficace per fare cose e cercare di cambiare la propria vita.

Come il pianeta in Vergine, anche Urano in Capricorno ha in sé un notevole realismo ma, a differenza della posizione verginea, tanta ambizione in più. Si concentra infatti su quello che può fare ed è nel novero delle sue possibilità, guardando però preferibilmente verso l’alto, non verso il basso. Quindi calcola con la sua pragmatica lucidità quanti sforzi occorrono per arrivare alla meta e, se sono alla sua portata, agisce di conseguenza. Né prima né dopo, attende il momento giusto perché sa che ogni cosa ha il suo tempo e ogni tempo ha la sua cosa. Non decide quindi impulsivamente – nel segno è ospitato anche Saturno che lo fa meditare prima di compiere un passo importante – ma quando è pronto per arrivare alla meta usa tutta l’energia necessaria, quella fornita da Marte. Ovvero aspetta di potere avere le forze sufficienti per realizzare quanto ha in mente, non importa cosa, e nel momento in cui sa di possederle parte e va come un treno. Guarda caso le ferrovie astrologicamente sono simboleggiate proprio dal Capricorno. Cercando di portare a casa anche risultati importanti, gli sforzi inutili e gratis non fanno per lui. Quindi se deve sudare vuole anche un riscontro adeguato, economicamente o socialmente. Forse non brilla per velocità, ma di certo per potenza decisionale, quando appunto ritiene sia l’ora per fare una certa cosa.

In Aquario al pianeta importa soprattutto di ottenere quello che vuole, spesso per vivere una vita per lui migliore e meno faticosa. Nel campo della fatica rientrano anche gli sforzi di inutili decisioni intempestive, quindi di rado agisce prima dello stretto indispensabile. Tranne nei casi in cui la scaltrezza gli suggerisce di troncare un rapporto, di fare una domanda di trasferimento o altro, prima che sia troppo tardi. Se il suo fiuto rispetto ai tempi giusti funziona, allora potrà anticipare una decisione, altrimenti aspetterà quando proprio non può fare in altro modo. Senza rimetterci, intendiamoci, il pianeta è in una delle sue sedi ideali e dà quindi il suo meglio. A volte i suoi cambiamenti possono essere davvero drastici e imprevedibili per chi osserva dall’esterno, ma il soggetto quasi sempre sa che sta andando dove lo spinge il vento, ed essendo nella corrente giusta farà meno fatica, qualunque sia la meta. A volte potrà sembrare una scelta stravagante, per l’influsso di Nettuno sul segno, ma di rado sarà folle: l’altro pianeta in domicilio in Aquario è Saturno, che mantiene coi piedi ben saldi in terra.

Come l’Urano in Cancro, anche quello in Pesci, altro segno dominato dalla Luna, prima di agire deve di solito confrontarsi con le sue innumerevoli paure, cercando di tenerle a freno per sfrondare l’orizzonte di ogni possibile angoscia. Poi, resosi conto che i timori fanno parte del suo DNA e non riuscirà mai a sradicarli del tutto, agisce lo stesso, ascoltando non tanto il suo lato razionale, che può comunque avere, quanto piuttosto quello emotivo. Le decisioni possono quindi essere procrastinate all’infinito oppure essere immediate, fulminee, a volte all’apparenza sconsiderate perché prive di coerenza e logica. Grazie però alle capacità profetiche dei Pesci, veggenti pessimisti un po’ folli e fuori da molti schemi, anche se presa in un momento all’apparenza poco propizio, nel tempo potrà rivelarsi una decisione giusta, anche se fuori dal senso comune.


Terminata questa prima parte, il prossimo mese sarà la volta del pianeta nelle case e in rapporto con gli altri pianeti, per una analisi ancora più precisa del nostro rapporto con la forza di decisione.


Per uno sguardo sintetico sulle valenze simboliche del pianeta, si veda anche questo mio studio di qualche anno fa, sempre valido:

https://www.larottadiulisse.it/astri/urano.html

N.d.A. : Alcune delle riflessioni riportate nell’articolo sono ricavate da discussioni e indagini sull’argomento nel mio gruppo Facebook Rotte e approd - Gruppo di astrologia dialettica morpurghiana3, da me creato e gestito.


 

1 Se fosse possibile stilare statistiche non basate sui singoli secoli ma su millenni o periodi ancor più lunghi.
2 Va detto che quasi di certo uno dei due, il primo in ordine di distanza dal Sole, è stato individuato. Ritengo infatti altamente probabile che Eris sia X, e come tale va inserito nei temi e interpretato.
3 https://www.facebook.com/groups/198516613553915/

 

massimomichelini1@virgilio1.it

1/11/2018


Copyright © 2018La Rotta di UlisseTutti i diritti riservati