LA ROTTA DI ULISSE

 


Contatti: massimomichelini1@virgilio.it

Gli aspetti planetari di X-Eris con Marte, Giove e Saturno

di Massimo Michelini

Come ho scritto e stra-scritto negli articoli precedenti, sto ragionando in diretta e senza rete di protezione mese dopo mese sulle possibili interpretazioni di Eris in Ariete in rapporto agli altri pianeti. Da quel che mi risulta nessuno lo ha fatto prima, almeno in maniera sistematica. L’operazione più complessa è cercare di non assegnargli significati attribuibili ad altre combinazioni e individuare quello che davvero appartiene a X-Eris. Le cui simbologie principali rientrano nell’ambito dell’accogliere o dell’escludere, del sentirsi integrato o emarginato in senso affettivo, per così dire. Anche da adulti il sentirsi accolto sembra infatti ricalcare la sensazione avvertita dal feto ancora non uscito dal ventre materno che, tra le pareti dell’utero, trova protezione e sicurezza e avverte la volontà della madre di proteggerlo fino a quando non sarà una creatura autonoma o adulta. Ricordo che l’utero è simboleggiato proprio da X-Eris. Anche se non possiamo avere reale certezza delle sensazioni provate dal feto, è ipotizzato anche dalla psicologia che il nascituro avverta in modo inconsapevole l’affetto della madre e la volontà di proteggerlo e dargli vita e nutrimento. Non bisogna colpevolizzare a tutti i costi i genitori, in particolare la madre, se non assolvono al meglio il proprio compito, ma resta l’evidenza che spesso certe difficoltà emotive nascono nei primissimi anni di vita, in altri casi addirittura durante la gravidanza. Va aggiunto poi che non necessariamente persone con analogo vissuto o con gli stessi genitori poco affettivi o addirittura respingenti si portano dietro come una zavorra traumi o difficoltà. Come la cosiddetta ferita da abbandono, tipico di lesioni dell’asse seconda-ottava.

Inoltre, situazioni e sensazioni analoghe si possono riscontrare anche analizzando la terza casa, settore dello zodiaco in cui X-Eris non è presente, anzi è sede del pianeta opposto di Eris, ossia Plutone. L’astrologia è infatti spesso un gioco dialettico di simbologie antitetiche e complementari, in qualche modo corrispondenti al negativo fotografico, un tempo di uso comune, che rivelava quanto è stato impresso su di lui solo dopo essere stato sviluppato e stampato. In terza però si pone l’accento sul sentirsi rifiutati socialmente, mentre le lesioni di Eris riguardano più spesso questioni emotivo-affettive.

Esaurita l’inevitabile premessa, passiamo agli aspetti del pianeta iniziando da Marte.
Partiamo dalla congiunzione in Ariete. Inevitabile che nella somma di due valori così differenti dia in teoria il suo meglio Marte, che si ritrova nel suo segno di domicilio, mentre X-Eris è in esilio. L’aggressività di Marte si ammorbidisce però in parte ma, per compensazione, possono essere amplificate eventuali sceneggiate isteriche. Ossia non si è aggressivi allo stato puro. Lo si diventa di tanto in tanto e con modalità femminili se qualcosa turba l’equilibrio, o se si teme di venire sopraffatti, o se qualcuno tenta di invadere il tuo territorio. Inoltre, si amplifica la tendenza alla diffidenza o all’alternare la voglia di rendere partecipe il prossimo della propria vita o di tenerlo fuori. Entrambi i pianeti collaborano però a conferire un notevole calore umano, di certo una gran dote. Non favorisce in particolar modo l’attività sportiva, mentre può dare uno spiccato interesse per le questioni di sesso, o almeno una intensa attività ormonale. La sessualità umana, si sa, presenta molte sfumature e vari modi di esprimere il desiderio. Così la somma dei valori rappresentati da Marte-pene e da X-Eris utero fanno sì che il maschio eterosessuale medio possano avvertire forte il desiderio di ritrovare il più possibile la protezione che gli garantiva l’utero materno. Non potendo tornarci stabilmente, si “accontenta” di recuperarlo con il ritmo dentro-fuori dell’amplesso. Questo atteggiamento può ritrovarsi anche nei gay, in cui però può esserci indecisione tra l’accogliere e il penetrare, con tendenze facili da immaginare. Atteggiamento analogo può esserci anche in una donna etero, che amerà l’uomo maschio ma, di tanto in tanto, vorrà condurre i giochi in camera da letto. Per una donna lesbica, possibile ci sia alternanza simile a quella degli uomini gay, sia pure con organi sessuali differenti. Visto poi che in questo periodo è obbligatorio esprimersi in modo più che corretto rispetto alle varianti di genere, immagino che le ulteriori lettere dell’alfabeto1 rappresentanti altre differenti forme di erotismo che qui non ho contemplato rientrino ciascuna a modo suo in questa dicotomia tra il conquistare e l’accogliere, come più gli piacerà.  
In caso di trigono di Eris a Marte in Leone o Sagittario si manifesta una analoga “indecisione” tra l’attacco e la difesa, tra la conquista e l’accoglienza. Marte in Leone o Sagittario avvertono però meno la necessità di affermare la propria virilità e veicolano verso Eris soprattutto energia e voglia di allargarsi. Possono essere inoltre portatori di entusiasmo e vitalità e, sul piano sessuale, contribuiscono a un potenziale interscambio sereno tra il maschile e il femminile, che può spaziare dalla bisessualità a una forte attrazione per il sesso biologico opposto, come pure far esplodere tutte le sfumature intermedie, difficili da catalogare.

I sestili di Marte in Gemelli e Aquario erotizzano Marte e rendono un po’ più cerebrale Eris. Inoltre, Eris tende ad avere un temperamento meno diffidente ed escludente, anzi può esserci la tendenza ad essere curiosi rispetto a realtà molto diverse da quelle della propria cultura d’origine. Può dare però la tendenza a cercare di primeggiare grazie alle proprie doti intellettuali, o per questioni ideologiche. Visto però che c’è molto di peggio sulla faccia della Terra, mi risulta essere un peccato veniale.

Il quadrato di Eris a Marte in Cancro crea una certa confusione di fondo perché un pianeta dell’area femminile come Eris si trova in un segno maschile come l’Ariete, mentre un pianeta maschile come Marte è in un segno tendenzialmente femminile come il Cancro. Morale della favola, indipendentemente da eventuali confusioni sessuali che possono esserci come pure no, si può creare una situazione di chiusura caratteriale per difficoltà a imporsi, se si è uomini, o per paura di veder violata la propria intimità, se donne. Ci si difende chiudendosi nel proprio guscio, evitando di attaccare, salvo periodiche sfuriate irrazionali, capaci però di devastare quanto circonda, come certi uragani degli Stati Uniti del Sud, devastanti e improvvisi.
L’opposizione a Marte in Bilancia inverte in qualche modo la posizione “naturale” dello Zodiaco, che vede Marte domiciliato in Ariete e Eris in Bilancia. L’aggressività di Marte diventa cerebrale e controllata, ma in qualche modo viene frenata dalla paura di venire esclusi e per esserlo a causa di propri comportamenti. Si alternano quindi entusiasmi e tentativi di affermazione del proprio Io ad altri in cui si vede il prossimo come un nemico, ma cercando di tenere a bada la propria paranoia. Aggiungo che questo però è l’atteggiamento tipico di gran parte dell’umanità, anche di chi non presenta questa opposizione. Sul piano sessuale può esserci inoltre una certa scissione o alternanza tra passione e controllo, tra ricerca della perfezione anche in camera da letto unita a slanci incontrollati.

Il quadrato con Marte in Capricorno riguarda invece segni tendenzialmente maschili, portati perciò alla ricerca di dominio e predominio. Il forte marchio di Marte su entrambi i segni amplifica la diffidenza verso il prossimo, anche sul piano sessuale. Si tratti dei sospetti di un uomo verso la donna o viceversa. In entrambi i casi è noto che il conflitto può anche attizzare, in camera da letto e altrove e, anziché spegnere i desideri, è possibile che si metta in scena una costante guerra dei sessi, senza vincitori né vinti, ma con tante questioni da risolvere.


Giove è un pianeta alleato di X-Eris in Toro e in Sagittario. Insieme contribuiscono alla tendenza a proteggere se stessi e le persone amate, curandosi del benessere fisico e soprattutto economico, cercando di ampliare le proprietà personali nel territorio circostante. Un’esigenza ritenuta essenziale ad esempio per il Toro Adolph Hitler alla guida della taurina Germania, che voleva allargare lo spazio vitale del suo paese. Detto per inciso, in senso etimologico proprietà deriva da proprio2, in latino “personale”. Se passiamo su altro piano, chi ha rapporti di questo tipo vuole curare il corpo per portarlo al massimo sviluppo possibile. Aspetti positivi contribuiscono poi a nutrire una buona fiducia nel mondo, mentre aspetti negativi possono accrescere il senso di esclusione e di non appartenenza, in qualche caso arrivando davvero a privare degli affetti o beni materiali.
Veniamo alle singole posizioni. La congiunzione in Ariete non evidenzia all’apparenza troppo alcune delle simbologie proprie dei tuoi pianeti. L’Ariete infatti porta a essere magri e scattanti e, se pure Giove non è in un segno di esilio o caduta, in media qui non fa diventare massicci o ingrassare. Parlo ovviamente di grandi numeri, Giove resta in un segno un anno e in un periodo così lungo nascono persone di tutti i tipi, come è ovvio. Giove ed Eris congiunti danno però fiducia verso la vita e favoriscono un atteggiamento di voracità rispetto alle esperienze che possono capitare nel periodo che passa dalla nascita alla morte. Giove inoltre stempera la potenziale diffidenza del segno. Lascia però attivo il campanello d’allarme del fidarsi è bene non fidarsi è meglio. La necessità di arricchirsi di Giove non si concentra sull’accumulo di cose, ma preferisce il denaro liquido o le carte di credito, con le quali ci si può spostare ovunque. Il supporto di Eris aiuta a rimanere sereni, attingendo da dentro le risorse profonde che si è quasi sempre certi di avere, magari ripartendo da capo se nel corso della vita ci si è imbattuti in difficoltà grosse. Con rinnovato entusiasmo, come se si trattasse di un nuovo giorno.
I trigoni dal Leone possono far vivere senza mezze misure, rendendo a volte un po’ megalomani. Si vuole vivere senza troppi freni, a maggior gloria dell’Io. Inoltre, si attenua la tendenza alla diffidenza di Eris in Ariete, grazie a Giove in Leone che, per l’esigenza di brillare, non sa tenere troppo alla larga il prossimo. Il bisogno di avere intorno una corte non gli permette di fare lo schizzinoso. Possibile inoltre una buona fecondità femminile, salvo altri aspetti del tema natale che vadano in senso contrario.
Anche i trigoni dal Sagittario rendono l’Eris dell’Ariete meno fissata con nemici, complotti e bisogno di primeggiare. Anzi, la voglia di sentirsi unici resta la stessa, ma si stempera in una positiva competitività sportiva, oltre a dare un sano ottimismo, perfino eccessivo, rispetto alla possibilità di correggere i difetti degli altri. A volte magari spiegando a tutti il senso della vita e come superare i propri limiti, sia che lo si sappia davvero sia che si abbia solo la presunzione di saperlo.
I sestili di Giove in Gemelli o Aquario all’Eris in Ariete portano un soffio di aria leggera alla tendenza di X di voler far crescere qualcosa dentro di sé. Quindi ci si allarga anche grazie alla curiosità sociale o intellettuale, e si tende ad essere meno gelosi del proprio spazio umano, perché si vuole entrare in contatto con realtà diverse dalla propria, che divertano o ti proiettino lontano.
Il quadrato a Eris di Giove in Cancro può creare problemi familiari, economici o di altro tipo, che non consentono un sereno allargamento della propria personalità. Oppure sembra sempre che manchi qualcosa al raggiungimento della felicità, e questa impressione crea un sottile sottofondo di malinconia. Per le donne non sono esclusi problemi all’apparato riproduttivo, non necessariamente insuperabili.
L’opposizione di Giove in Bilancia a X-Eris mete in primo piano la dinamica Io-Altri e i rapporti di coppia. Spesso indispensabili per l’equilibrio emotivo del soggetto, ma mai del tutto davvero appaganti. Inoltre, è possibile una perenne altalena interiore tra la voglia di restare liberi e il bisogno di appartenere all’altro tramite un rapporto di coppia. Nei migliori dei casi si vivono in alternanza le due fasi, in altre si va in una delle due direzioni possibili, ossia stare soli o essere in coppia, ma non si riesce ad essere soddisfatti della scelta, se si è trattato di scelta, o di quello che la vita ti ha riservato.

Il quadrato con Giove in Capricorno in qualche modo indurisce Eris, che rafforza la diffidenza e il bisogno di unicità, ma non si abbandona a lamenti perché non riesce a essere davvero felice o serena. Possibile che questo sentimento renda tirchio il soggetto che lo possiede, come pure che fatichi a sorridere in foto, per una qualche forma di austerità interiore che gli impedisce di vivere con spensieratezza.

Chiudo il capitolo parlando dei rapporti con Saturno, pianeta che per il suo passo forma rapporti abbastanza duraturi con Eris, che in qualche modo caratterizzano intere annate.
Ad esempio, la congiunzione in Ariete si è formata tre volte nell’ultimo secolo. La prima nel 1937-38, la seconda nel 1967-1968, la terza nel 1997-1998. Saturno è un pianeta naturalmente alleato di X-Eris, perché sono rispettivamente esaltato e domiciliata in Bilancia, come pure Eris ha il domicilio primario in Toro mentre Saturno vi è esaltato per trasparenza. Sono quindi pianeti che collaborano tra di loro, dando un carattere selettivo, capace però di accogliere in sé in maniera molto convinta chi si ama o cosa si progetta di amare. In Bilancia la loro unione dà la tendenza a valutare il pro e contro di ogni situazione prima di compiere una scelta affettiva o di altro tipo, mentre in Toro si vuol far durare all’infinito il rapporto simbiotico con chi si ama, anche per intrinseca possessività. La congiunzione in Ariete fa però a cadere in automatico la schizzinosità, come pure si riduce nei limiti del possibile l’esitazione nel compiere una scelta. In compenso si acquista in calore ed entusiasmo rispetto a tutto quanto accoglie in sé, anche se prima di farlo può essere diffidente rispetto al fare entrare un amore, un progetto, un’idea. Nel momento in cui si è accolto un progetto, lo si difende a spada tratta, magari guardandosi intorno con attenzione per difenderlo da nemici, veri o eventuali. Per lo stesso motivo si è certi, spesso riducendo a livelli minimi il senso critico, che quello che si porta avanti sia il meglio sulla piazza, inattaccabile e incontestabile. Come capita spesso ai nati alla fine del secolo, che tendono spesso ad assumere posizioni molto dogmatiche anche per la contemporanea presenza di Plutone in Sagittario. La congiunzione si è formata in Ariete nel Novecento e nel Ventunesimo Secolo, segno maschile in cui ha un rilievo fondamentale la figura del padre, e perciò spesso si dà una grande importanza all’attribuire a un proprio figlio o progetto il cognome della famiglia, come se in questo modo si rendesse un omaggio al padre. Inoltre, poiché Eris nella sua simbologia di utero è coinvolta in qualche modo nella gravidanza, grazie ai rapporti con Saturno può dare maternità consapevoli e meditate, a volte avvenute in età non giovanissima. In caso di aspetti negativi, possono purtroppo esserci problemi nel portare avanti una gravidanza. Come pure, sempre nel caso di aspetti discordanti, sono possibili problemi di calvizie o alopecia.
I trigoni di X-Eris a Saturno in Leone e Sagittario attenuano il culto della figura paterna ma garantiscono lo stesso entusiasmo verso la vita. Il progetto, la cosa posseduta o l’amore che si porta in seno vengono vissuti come una conferma della bellezza del vivere. Saturno riduce però in parte lo slancio entusiastico di Leone e Sagittario, ma si mette al servizio di Eris, che è ancora più determinata a coltivare e proteggere quello in cui crede o che ama. In Leone, il progetto assume anche una connotazione di egocentrismo o di magnificazione dell’Io, in Sagittario aumenta la fiducia programmatica rispetto a un amore o a una cosa che si porta avanti.
Il sestile a Saturno in Gemelli o Aquario rende più lucida e meno diffidente l’Eris dell’Ariete, che riesce ad ampliare gli orizzonti, in senso mondano o in ambito ideologico. Eris diventa però più selettiva e non si concede indiscriminatamente a un progetto o un amore, ma lo sceglie secondo criteri mondane, razionali o intellettuali.

Il quadrato di Saturno in Cancro a X-Eris può creare problemi alle donne rispetto a una eventuale maternità, perché si ha difficoltà a restare incinte oppure non ci sono problemi fisici ma è la famiglia ad ostacolare il progetto di una vita nuova. Possibile inoltre che l’ambiente domestico non sia mai stato troppo protettivo, e il soggetto da adulto soffra ancora per questa situazione, ne sia consapevole oppure no. Per un uomo eterosessuale, possibilità di fare scelte poco razionali in fatto di amore, magari essendo attirati da donne poco accoglienti o addirittura respingenti. Non ho ancora riflettuto invece abbastanza per arrivare a riflessioni sensate rispetto a questo aspetto nel tema di gay e lesbiche, ma nessuno è perfetto e può avere una risposta a tutto. L’opposizione di Saturno in Bilancia a Eris si è verificata nel 1951-523 e nel 1981-82. Come sempre accade quando si ricrea la dialettica Ariete-Bilancia, i soggetti di questo tipo oscillano spesso tra l’individualismo e la necessità di stare in coppia. Accade così che cerchino conferme e sicurezza dal rapporto con il partner, a volte esagerando con il protagonismo o la necessità di rassicurazioni estetiche e affettive. Inoltre, la scissione tra Saturno e Eris fa loro spesso provare la paura dell’esclusione dall’affetto del partner, anche se la razionalità saturnina porta a dare tagli netti là dove necessario. Distacchi visti come ultima spiaggia e messi in pratica solo se inevitabili.
Il quadrato di Eris a Saturno in Capricorno riduce in parte i problemi affettivi, dando spesso una precoce consapevolezza che la vita – anche quella affettiva – può essere dura e tanto vale non aspettarsi troppo. In fondo non si crede davvero di poter venire amati come si ritiene di meritare, ma lo stoicismo saturnino ne fa prendere atto, arrivando alla conclusione che questa è la vita. Se non quella di tutti, di certo quella del soggetto. Ma, a ben vedere, anche quella di tutto il resto dell’umanità, secondo quanto ritiene il quadrato Eris in Ariete e Saturno in Capricorno.

Esaurito anche questo argomento, a giugno mi occuperò degli aspetti di X-Eris con Urano, Nettuno e Plutone.

P.S.: Chi non conoscesse la posizione della propria Eris può trovarla a questo link https://www.astro.com/swisseph/eris.htm.

N.d.A. : Alcune delle riflessioni esposte nell’articolo sono ricavate da discussioni e indagini sull’argomento nel mio gruppo Rotte e approdi - Gruppo di astrologia dialettica morpurghiana4, da me creato e gestito.




 

MANUALE COMPLETO DI ASTROLOGIA,

VOLUME PRIMO - I SEGNI E GLI ASCENDENTI
IN LIBRERIA E NEI DIGITAL STORE


Me lo chiedono in tanti da anni, infine è arrivato il momento, con il favore di transiti planetari benevoli.
A settembre, grazie alla collaborazione con Gagliano Edizioni, esce il primo volume di quella che diventerà una collezione completa. Si tratta di una rielaborazione del materiale in parte già pubblicato sul sito, rivisto e integrato.
Il primo volume è dedicato a segni e ascendenti. Negli anni futuri, se gli astri continueranno ad essere amici, ci saranno tutti gli altri. Per raccogliere su carta e dare una sistemazione definitiva al materiale che, da dodici anni, ho immesso sul sito. Perché se è vero che il futuro della comunicazione passa attraverso il web, i libri conservano un valore differente.
Si tratta quindi dell'ufficializzazione e sistematizzazione di un'opera didattica che ho iniziato tanto tempo fa, e che prosegue tuttora con grande riscontro di pubblico. Non perdete questa occasione, acquistatelo. Avrete molto più di quello che avete letto sul sito, che resterà comunque attivo.

Massimo Michelini


Per informazioni: massimomichelini1@virgilio.it o edizionigagliano@gmail.com

 

 


1 In ossequio alla moda del politicamente corretto che, confesso, non mi appartiene troppo, cito almeno in nota il LGBTQ+.
2
https://www.treccani.it/vocabolario/proprio/
3
Le indicazioni che riporto sono approssimative e vanno sempre verificate, effemeridi alla mano. Quelle di Eris si trovano al link riportato anche sopra: https://www.astro.com/swisseph/eris.htm
4
https://www.facebook.com/groups/198516613553915/

 

massimomichelini1@virgilio1.it

giugno 2021


Copyright © 2021La Rotta di UlisseTutti i diritti riservati